Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Piano Giovani: criticità e "ingolfamenti"
di Michele Giuliano

Corsello (Lavoro e Formazione) informa sull’attivazione on line della piattaforma per l’adesione al Patto di Servizio. Iniziative per garantire più funzionalità e superare criticità derivanti dal grande afflusso di utenza

Tags: Nelli Scilabra, Piano Giovani, Lavoro, Neet, Anna Rosa Corsello



PALERMO - Troppe criticità attorno al Piano Giovani e la Regione scopre la “carta internet”. Dopo l’enorme afflusso di istanze pervenute ai Centri per l’impiego siciliani, che ha comportato praticamente la saturazione quasi immediata delle ammissioni alla prima tranche dei tirocini (800 in questa fase, ndr), ora la Regione cambia strategia per evitare incomprensioni e soprattutto disguidi tecnici. In una nota la dirigente dei dipartimenti Lavoro e Formazione professionale, Anna Rosa Corsello, annuncia l’attivazione on line della piattaforma per l’adesione al Patto di Servizio, necessaria per entrare a far parte per l’appunto del circuito del Piano Giovani.

“L’iniziativa – sostiene la Corsello – ha il fine di garantire la migliore funzionalità ed efficienza del servizio pubblico e di superare, al contempo, le criticità rilevate presso i Centri per l’Impiego a causa del considerevole afflusso di utenza”. L’adesione al Patto di Servizio potrà essere resa online, così come la dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro (Did). I giovani interessati alle iniziative del Piano Giovani in Sicilia possono aderire al Bando relativo ai tirocini formativi di inserimento e reinserimento, dichiarando la propria disponibilità alla “presa in carico” da parte del Centro per l’Impiego prescelto, a prescindere dal luogo di residenza o domicilio, aderendo, online, al Patto di Servizio, attraverso l’apposita funzionalità “Patto di Servizio Online” resa disponibile dallo scorso 22 luglio all’indirizzo www.didonline.cosicilia.it.

Gli utenti che non hanno effettuato la registrazione sul sito potranno quindi adesso accedervi compilando l’apposito form. Coloro che hanno già un accesso al sistema “DidOnLine” possono utilizzare le medesime credenziali. Dopo avere effettuato l’acceso (con l’inserimento di login e password) l’utente potrà richiedere e ottenere contestualmente la “presa in carico” da parte del Centro per l’Impiego prescelto. T
 
ale sistema consente anche la presentazione della Did telematica. La richiesta di “Presa in carico” attraverso il “Patto di Servizio Online” determina l’avvio della relativa procedura da parte del Centro per l’Impiego e prescinde dalla presenza fisica dell’utente presso il medesimo ufficio pubblico.

“Dopo avere completato la procedura di presa in carico – precisa la Corsello - ai fini della partecipazione al bando “Piano Giovani in Sicilia” l’utente già registrato sul portale www.pianogiovanisicilia.com perfeziona la propria registrazione, completando l’iscrizione con l’inserimento della data di sottoscrizione del Patto di Servizio o di adesione effettuata on line”.
 


L’adesione. Un documento in pdf certifica fine della procedura
 
PALERMO - L’utente non ancora registrato sul portale www.pianogiovanisicilia.com è tenuto ad inserire la data di stipula del Patto di Servizio o di adesione on line. Il completamento della registrazione genera un documento in formato pdf contenente la data e l’ora della conferma della conclusione delle operazioni. L’utente che non completasse la registrazione con l’inserimento della data con la procedura on line, non potrà fruire dell’iniziativa. Il Piano Giovani in Sicilia mette sul piatto qualcosa come 100 milioni di euro che dovrebbero alla fine creare migliaia di nuovi posti di lavoro, secondo le previsioni del governo regionale. Questo intervento è stato programmato dopo lo stop imposto ai corsi di formazione milionari che sfornavano estetiste, giardinieri e responsabili antincendio: ora si è scelto di puntare sui tirocini formativi professionali per gli under 35. Da vedere, però, se il meccanismo funzionerà davvero.

Articolo pubblicato il 29 luglio 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus