Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Il punto. Atteso l’inventario del 2007 per fare confronti
di Giuseppe Bellia

Tags: Ambiente, Inquinamento



PALERMO - Sulla qualità dell’aria in Sicilia è ancora presto per “cantar vittoria”, nonostante è recente la notizia dell’archiviazione di due procedure d’infrazione la n. 2.182 del 2007 e la n.4.808 del 2006. La prima riguardante il mancato rispetto della direttiva 1999/30/CE n 36 relativa alla qualità per il biossido di zolfo nel comprensorio del Mela, la seconda  concernente la mancata adozione degli strumenti di contrasto alla stessa. La Commissione europea nella riunione del 25 giugno del 2009 ha deciso di archiviare entrambi i casi.
Occorre attendere la pubblicazione dell’inventario del 2007 affinché si possa, dati alla mano, verificare passo per passo, se la qualità e le contrazioni delle sostanze inquinanti nell’Isola sia complessivamente migliorata o peggiorata negli anni.

Articolo pubblicato il 07 ottobre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Emissioni, Regione inadempiente -
    Ambiente. I valori inquinanti rimasti nel cassetto.
    Il pregresso. Sin dal 1995 la Regione Sicilia aveva l’obbligo di valutare la qualità dell’aria su ozono e altri agenti atmosferici di rischio, causati per lo più dalle emissioni delle grandi industrie.
    La realtà. Dall’assessorato regionale all’Ambiente ammettono i vistosi ritardi con cui sono stati recepiti i decreti legislativi varati, a loro volta, con almeno 4 anni di ritardo sulle direttive europee.
    (07 ottobre 2009)
  • Il punto. Atteso l’inventario del 2007 per fare confronti - (07 ottobre 2009)
  • L’assessore Milone s’insedia e recepisce due decreti -
    Poche settimane fa la firma del neo delegato regionale all’Ambiente. Dati sull’ozono, Regione con l’obbligo di valutazione dal 2005
    (07 ottobre 2009)


comments powered by Disqus