Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Stm, Tar e Perla Jonica: arrivano tre buone notizie
di 'U Diotru

• Investimenti a favore dell’imprenditoria e salvataggio del Tar: la città riprende a sperare • Renzi ha siglato i contratti di sviluppo: ne beneficeranno la Stmicroelectronics e la Perla Jonica • Investimenti per circa 45 mln € a favore delle nuove tecnologie nell’Etna Valley • Per il complesso alberghiero acese, contributo per la ristrutturazione di 24 mln € • Vinta con il concorso di tutti la battaglia del Tribunale amministrativo

Tags: Catania, Stmicroelectronics, Perla Jonica, Tar



CATANIA - Sono tre le notizie importanti che arrivano dal governo nazionale, guidato da Matteo Renzi , per la città di Catania. Due riguardano investimenti a favore di due grandi gruppi imprenditoriali, il terzo una giustizia amministrativa più vicina e veloce. La scorsa settimana infatti il premier ha firmato il decreto che da il via libera a 24 contratti di sviluppo con i quali si mettono in campo 1,4 miliardi di euro, di cui circa 700 di fondi europei, per progetti legati all’industria e al turismo. Si tratta di contratti previsti in tutta Italia dall’agenzia per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo di impresa Invitalia. A Catania saranno la StMicroelectronics e La Perla Jonica a giovarne, mentre la terza notizia positiva riguarda la conferma della permanenza della sezione del tribunale amministrativo etneo.  

Il programma d’investimento per la St, prevede un investimento di  circa 45 milioni di euro, con una agevolazione statale da 29 milioni. Un programma volto ad aumentare la capacità produttiva degli impianti catanesi dell’azienda di semiconduttori, che verrà affiancata dal Consiglio nazionale di ricerche Cnr, per cui si prevede una ricaduta occupazionale di circa 3mila 935 addetti.

Per il Progetto della Perla Jonica si tratta di un contributo per la ristrutturazione per un massimo di 24 milioni di euro, pari al 50 per cento delle spese previste. “Non si tratta di aiuti di Stato ma di un progetto europeo a cui abbiamo partecipato nell’ottobre 2012”, afferma Salvatore La Mantia, amministratore delegato della Item, la società dello sceicco Hamed Bin Ahmed Al Hamed che ha comprato la struttura turistica. “Si tratta inoltre di un contributo per la sola ristrutturazione. – precisa La Mantia – C’è un po’ di confusione nelle cifre: compriamo a 35milioni 160 mila euro, ma l’investimento complessivo è poco più di 130milioni di euro tra acquisizione, ristrutturazione, opening, pre opening e altro”.

La terza notizia positiva per Catania è certamente la permanenza del Tar. Tutta la città, a tutti i livelli, si è mossa contro la l’articolo 18 del decreto legge 90 del governo di Matteo Renzi in materia di semplificazione amministrativa che prevedeva la soppressione delle sedi distaccate dei Tar. Il sindaco Enzo Bianco si è intestato la battaglia per salvare la sede siciliana con il più alto carico lavorativo, la cui soppressione non avrebbe di certo rappresentato un risparmio. La battaglia inizia a metà giugno e termina vittoriosa un mese dopo grazie a uno specifico emendamento del parlamentare Pd Giuseppe Berretta. “Una battaglia vinta con il concorso di tutti, dai parlamentari di ogni forza politica al mondo produttivo della Sicilia orientale, che in queste settimane hanno fatto fronte comune”, ha dichiarato soddisfatto il primo cittadino etneo.

Articolo pubblicato il 31 luglio 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐