Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

L’assessore Milone s’insedia e recepisce due decreti
di Giuseppe Bellia

Poche settimane fa la firma del neo delegato regionale all’Ambiente. Dati sull’ozono, Regione con l’obbligo di valutazione dal 2005

Tags: Ambiente, Inquinamento, Mario Milone



PALERMO– Lo Stato Italiano ha recepito con decreto del ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio il 2 aprile 2002, n. 60, la direttiva 1999/30/CE del Consiglio del 22 aprile 1999 concernente i valori di “Recepimento della direttiva limite di qualità dell’aria ambiente per il biossido di zolfo, il biossido di azoto, gli ossidi di azoto,le particelle e il piombo” e della direttiva 2000/69/CE relativa ai “valori limite di qualità dell’aria ambiente per il benzene ed il monossido di carbonio”.
Successivamente lo Stato italiano ha riunito l’intera materia con il decreto legislativo del 21 maggio 2004, n 183, prevede che “le regioni e le province autonome effettuano una valutazione preliminare della qualità dell’aria per l’ozono entro 12 mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto legislativo”.

Soltanto da poche settimane, la Sicilia ha ottemperato con due decreti a firma dell’assessore Mario Milone ai due decreti legislativi del 2004 e del 2007. Il primo riguardante l’ozono prevede che le regioni effettuino una valutazione preliminare della qualità dell’aria .
Il secondo decreto prevede che le regioni, dopo aver effettuato una valutazione preliminare della qualità dell’aria, individuino le aree dove gli inquinanti sono inferiori o superiori ai valori obiettivo fissati dall’Unione europea.
La Direttiva 2008/50/CE (non recepita ancora dall’Italia) introduce quale mezzo d’informazione, quello informatico, asserendo che occorre “adeguare le procedure riguardanti la fornitura dei dati, la valutazione e la comunicazione delle informazioni sulla qualità dell’aria, per consentire l’utilizzo di strumenti elettronici e di Internet quali strumenti principali per mettere a disposizione le informazioni”.

Articolo pubblicato il 07 ottobre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Emissioni, Regione inadempiente -
    Ambiente. I valori inquinanti rimasti nel cassetto.
    Il pregresso. Sin dal 1995 la Regione Sicilia aveva l’obbligo di valutare la qualità dell’aria su ozono e altri agenti atmosferici di rischio, causati per lo più dalle emissioni delle grandi industrie.
    La realtà. Dall’assessorato regionale all’Ambiente ammettono i vistosi ritardi con cui sono stati recepiti i decreti legislativi varati, a loro volta, con almeno 4 anni di ritardo sulle direttive europee.
    (07 ottobre 2009)
  • Il punto. Atteso l’inventario del 2007 per fare confronti - (07 ottobre 2009)
  • L’assessore Milone s’insedia e recepisce due decreti -
    Poche settimane fa la firma del neo delegato regionale all’Ambiente. Dati sull’ozono, Regione con l’obbligo di valutazione dal 2005
    (07 ottobre 2009)


comments powered by Disqus
Mario Milone, assessore regionale con delega al Territorio e Ambiente
Mario Milone, assessore regionale con delega al Territorio e Ambiente