Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Pronti al via i cantieri in 74 scuole siciliane
di Andrea Carlino

400 mln dal Cipe copriranno 1.639 interventi in tutta la penisola. 4,3 mln sono destinati ad Ustica, 1,8 mln a Borgetto

Tags: Scuola, Sicurezza, Cipe



CATANIA - Al via i cantieri in 1.639 scuole in tutta Italia. Le aggiudicazioni avverranno con iter agevolato per consentire una rapida partenza delle opere che hanno un valore medio di 160.000 euro. Grazie ai 400 milioni della delibera Cipe dello scorso 30 giugno saranno coperti 1.639 interventi che erano rimasti esclusi dal cosiddetto “decreto del Fare”. Sindaci e Presidenti di Provincia saranno infatti, per queste procedure, commissari straordinari.
 
Il Miur sta scrivendo loro  per comunicare che sono autorizzati ad avviare subito le gare, con pubblicazione del relativo bando, o ad affidare i lavori in caso di gare già espletate. Ci sarà tempo fino al prossimo 31 dicembre per l’assegnazione degli interventi.
 
La riunione di venerdì scorso del Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economica) ha infatti deliberato la proroga dalla scadenza iniziale del 30 ottobre 2014 alla nuova scadenza del 31 dicembre. Altri 381 interventi, presenti sempre nelle graduatorie del dl del ‘Fare’, saranno finanziati con i ribassi d’asta. Sempre con i ribassi si finanzieranno fino a ulteriori 845 interventi, per il conseguimento del certificato di agibilità e per il completamento della messa a norma, previsti dal decreto del Miur numero 267. E’ da oggi attiva, poi, la seguente pagina web dedicata al Piano per l’Edilizia: http://www.istruzione.it/edilizia_scolastica/. Un portale su cui saranno caricati documenti, normativa, FAQ, utili per i cittadini e le Amministrazioni locali.

Nel dettaglio, le scuole siciliane coinvolte negli interventi sono 74. Questi gli interventi con fondi più ingenti: 4,3 milioni sono destinati ad Ustica e all’intervento di recupero e risanamento conservativo dei plessi scolastici, 1,8 milioni per Borgetto (in provincia di Palermo) per lavori di consolidamento strutturale dell'istituto omnicomprensivo del Comune di Borgetto, plesso scolastico a tre sezioni, 1,6 milioni per Reitano (in provincia di Messina) per lavori di consolidamento manutenzione straordinaria ed adeguamenti alle norme tecniche in materia di sicurezza delle scuole “materna, elementare e media”, 1,5 milioni a Pantelleria per manutenzione straordinaria della scuola elementare di Kamma.

Articolo pubblicato il 06 agosto 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus