Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Mare e spiagge, Sicilia ancora al top
di Michele Giuliano

Ben tre zone costiere siciliane sono al top in Italia secondo la durissima selezione realizzata da Legambiente. Ma al di là dei premi tante altre le località gettonatissime anche dai personaggi famosi

Tags: Mare, Spiaggia, Sicilia, Turismo



PALERMO - Nonostante tutto la Sicilia resta sempre uno dei territori più appetibili sul piano turistico. L’ultima riprova la si è avuta con l’affermazione di ben tre spiagge fra le venti più belle d’Italia.

A stabilirlo “La più bella sei tu”, il contest di Legambiente. La selezione avviene tramite l’unione fra le preferenze ottenute sul web e i dati de “Il mare più bello, la nuova Guida Blu 2014”, redatta da Legambiente e Touring club con le migliori località costiere italiane.

Lo Zingaro, in territorio trapanese, figura al quindicesimo posto, la spiaggia dei Conigli di Lampedusa al 16mo, Cala Faraglione di Levanzo subito dopo.
Nonostante la crisi la Sicilia è una delle mete più gettonate dell’estate italiana. Scelta come destinazione anche da molti vip, è la regione ideale in cui trascorrere le vacanze per via delle sue splendide spiagge.

Quattro località hanno appena ottenuto la Bandiera Blu della Fee, la Fondazione per l’Educazione Ambientale, che viene assegnata alle destinazioni più attente all’ambiente e alla pulizia del mare. Le quattro spiagge siciliane sono quelle di Lipari e Vulcano, Ispica-Santa Maria del Focallo, Marina di Ragusa e Menfi, in provincia di Agrigento. Ma tante sono le destinazioni amate. Prima fa tutte Marina di Ragusa.

Fra le più attrezzate e rinomate località balneari della Sicilia Sud-orientale, è apprezzata per i suoi lidi di sabbia dorata finissima. Non lontana si trova la spiaggia di Punta Secca, un piccolo borgo marinaro chiamato dalla gente locale “a sicca”, per via di una piccola formazione di scogli di fronte alla spiaggia di levante. E’ famosa per essere stata il set della fiction “Il commissario Montalbano”.

E' proprio su questa spiaggia che si affaccia la famosa terrazza del commissario Salvo. Tra Noto e Ragusa si trovano anche Calamosche, una piccola cala di sabbia, stretta tra due promontori rocciosi e circondata da dune, con acque trasparenti, e l’Oasi di Vendicari, uno dei luoghi più selvaggi della Sicilia nonché riserva naturale faunistica dal 1984. Il mare qui è limpidissimo.

A Ovest dell’isola, non lontano da Sciacca, si trova una delle spiagge più rinomate: Capo Passero. Qui il mare è profondo, ma assolutamente meraviglioso.
E' a Nord-Ovest, però, che sono concentrate tre spiagge uniche al mondo: San Vito lo Capo, Scopello e Terrasini. Le prime due si trovano all’interno di una riserva naturale chiamata Lo zingaro.

Un’area perfetta anche per gli appassionati del trekking: dal sentiero principale si ammirano scogliere a picco e si imboccano percorsi più stretti che portano al mare, fra calette e spiagge intime. Qui le acque cristalline celano fondali ricchi di coralli e pesci. Angoli memorabili sono Cala Marinella, Cala Beretta e Punta della Capreria. Qui l’arena è bianca e finissima e il mare è puntellato di scogli. Terrasini, invece, è caratterizzata da rocce rosse venate di bianco. Propri di fronte alle Isole Eolie, in provincia di Messina, si trova uno dei luoghi di villeggiatura più rinomati: Capo d’Orlando. La spiaggia è lunga ben 8 chilometri e, nella zona di ponente, si assiste a tramonti rosso fuoco, mentre in quella di levante si va per ammirare il sorgere del sole.
 


Palermo, Agrigento, Siracusa altre mete invidiate
 
Non è da meno la zona di Palermo sul piano delle spiagge e del mare. Come non menzionare la spiaggia di Mondello, oppure ancora Cefalù che è uno dei principali centri balneari della provincia ed è inclusa nel club de “I borghi più belli d’Italia”.
Ai piedi di un promontorio roccioso, nel Parco delle Madonie, è famosa per i mosaici che impreziosiscono la cattedrale normanna e per la lunga spiaggia bianca, con palazzine basse e pittoresche appoggiate quasi sull’acqua.
Per quanto concerne l’agrigentino la menzione speciale va alla Scala dei Turchi, non lontana da Realmonte, vicino a Porto Empedocle, una grande scogliera di roccia calcarea d’un bianco puro, che il vento e l’acqua hanno scavato in forma di gradinata.
Ai suoi lati ci sono due spiagge di sabbia fine, meta molto gettonata, soprattutto nei mesi estivi. Nella Riserva Naturale di Vendicari, in provincia di Siracusa, c’è una delle spiagge più belle e selvagge di Sicilia, la già citata Calamosche, che nel 2005 la Guida Blu di Legambiente ha nominato come “Spiaggia più bella d’Italia”: per raggiungere il suo mare incontaminato si cammina a piedi per una decina di minuti su un sentiero pianeggiante tra cespugli odorosi, finché non compare la spiaggia, incorniciata fra due costoni di roccia.

Articolo pubblicato il 13 agosto 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus