Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Città siciliane bocciate in vivibilità
di Rosario Battiato

Aumenta sempre più il divario con i centri del Nord Italia e d’Europa. Ormai la Sicilia è più “vicina” all’Africa. Verde pubblico un miraggio, trasporto locale disastroso e piste ciclabili inesistenti

Tags: Qualità Della Vita, Vivibilità, Sicilia



PALERMO - Secondo una ricerca della società di recruitment Mercer, dal titolo Quality of living 2014, Vienna, capitale dell’Austria, è la città del mondo in cui si vive e si lavora meglio. Nella speciale classifica internazionale, l’Italia non se la passa bene, visto che la prima città del Belpaese a comparire in graduatoria è Milano, con il suo tutt’altro che invidiabile 38° posto.
E se l’Italia piange, la Sicilia di certo non ride, visto che a livello nazionale tutte le annuali classifiche sulla qualità della vita relegano i centri isolani costantemente agli ultimi posti.
Sul giudizio pesano come macigni le inefficaci politiche portate avanti dagli amministratori siciliani, incapaci di puntare sul verde e di rendere efficienti il trasporto pubblico locale (invogliando i cittadini a lasciare a casa le auto, che così facendo inquinano sempre di più le città).

Articolo pubblicato il 14 agosto 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus