Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Informazione ambientale Sicilia all’anno zero, o quasi
di Chiara Borzì

L’analisi dell’ultimo rapporto Ispra: nel 2013 nessun corso di formazione e pochissime pubblicazioni. L’accusa: dalla Regione nessuna campagna di sensibilizzazione. Fa eccezione il QdS

Tags: Ispra, Ambiente, Informazione



PALERMO - La Regione siciliana fa poco o nulla per sensibilità la popolazione sul tema ambiente. Secondo quanto rilevato dal rapporto Ispra Ambiente, nel 2013, nel nostro territorio le istituzioni non si sono prodigate ne a favore di pubblicazioni riguardanti i temi ambientali, ne a favore di scritti di sensibilizzazione sul tema. Soprattutto, sono risultati inesistenti report, piani d'informazione ambientale svolti attraverso la comunicazione di massa e l'organizzazione di corsi di formazione per l'ambiente. E' dimostrato che scarsa conoscenza sul tema equivalga il più delle volte ad una scarsa attenzione verso l'ambiente. Un dato di fatto e monito che non toccano il QdS in quanto da circa sette anni esso propone una pagina quotidiana proprio su questi temi.

Secondo quanto riportato nel report Ispra Ambiente per la Sicilia, dal 2011 al 2013 la Regione non ha pubblicato prodotti editoriali di carattere istituzionale, nel solo 2013 sono mancati anche prodotti editoriali di carattere ambientale. Ad avere carenze è un po tutta l'iniziativa delle regioni italiane, ma ci sono casi virtuosi, come quello dell'Emilia-Romagna o la Toscana che rispettano, nel triennio considerato, una media di 130 e 280 prodotti editoriali di carattere istituzionale. Queste stesse regioni sono leader nella produzione di materiale editoriale di carattere ambientale, rispettivamente con 100 e 267 prodotti, ed in questo caso si inserisce anche una regione del Sud, la Campania, produttrice nel 2013 di 55 prodotti editoriali.

In Sicilia sono stati inesistenti nel 2013 anche informazioni da parte istituzionale a mezzo report e pubblicazioni. Mentre regioni come le già citate Emilia-Romagna, Toscana e Puglia hanno promosso nell'anno passato informazione tramite rapporti tematici e meno attraverso materiali e guide, in Sicilia non è stata censita alcun tipo di attività di informazione istituzionale La nostra regione non sfrutta neppure i mezzi più alla portata dell'informazione, ossia i mass media: ancora nel 2013, mentre nelle maggior parte delle regioni italiane si è scelto di avviare informazione attraverso comunicati stampa, articoli su quotidiani, conferenze stampa, presenza sulla stampa, presenze in radio e tv, in Sicilia - secondo quanto rilevato da Ispra Ambiente - non si è fatto nulla, o quasi.
 
Al Sud è la Basilicata ad essere regione leader dell' informazione tramite mass media, con 200 presenze d'informazione a favore dell'ambiente in tv, 150 presenze in radio, 591 presenze nella carta stampata; segue la Puglia con 78 comunicati stampa, 551 presenze attraverso la stampa, 7 presente in radio e 39 in tv; infine la Campania con 2 attività promosse attraverso conferenza stampa, 440 presenze attraverso la stampa, 3 presenze radio e 3 in tv.  L'informazione attraverso la stampa è la preferita dalle regioni italiane: la Lombardia ha informato attraverso questo mezzo per un totale di 5.870 volte, il Piemonte 3.310 volte, il Lazio 2.557 volte, la Toscana 2.491 volte.

Secondo - infine - quanto riportato ancora dal rapporto Ispra Ambiente, nella nostra regione nel 2013 non si è provveduto neppure ad organizzare corsi di formazione ambientale. In questo caso la Sicilia è in compagnia della Valle d'Aosta. Per capire quanto la regione sia indietro rispetto le altre regioni italiane possono essere fatti diversi esempi: in Emilia Romagna sono stati organizzati 319 corsi che hanno visto la partecipazione di oltre 3mila cittadini, in Piemonte 39 con oltre mille partecipanti, in Lombardia 27 con oltre 700 partecipanti. Regioni risultata particolarmente virtuosa è la Puglia, che con solo 13 corsi organizzati è riuscita a coinvolgere 549 cittadini, lo stesso puó dirsi della Calabria che con 11 corsi ha coinvolto ben 434 partecipanti
 

Articolo pubblicato il 22 agosto 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus