Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Assemblea fuorilegge e più cara d’Italia
di Raffaella Pessina

Non pubblicati cv e stipendi dei dirigenti. Del neo segretario generale non specificata la retribuzione di risultato (Dlgs 33/13). In 1 anno 2 liquidazioni da 3 mln €. L’Ars costa 92 mln più del Consiglio Lombardia

Tags: Ars, Stipendi, Dirigenti



71 milioni di euro è il risparmio che in totale si realizzerà sulle spese dell’Assemblea regionale siciliana da ora al 2018, grazie alla delibera del Consiglio di Presidenza del 25 giugno scorso. Ma, nonostante questo, l’Ars continua ad essere l’Assemblea più cara d’Italia, infatti costa 31 euro l’anno a ogni cittadino (155 milioni nel 2014 diviso 5 milioni di abitanti) contro i 6,3 euro al cittadino lombardo per il suo Consiglio regionale (63 milioni diviso 10 milioni di abitanti).
Il deputato questore Anthony Barbagallo (Pd) è stato l’unico in quel Consiglio di presidenza ad insistere per stabilire il tetto agli stipendi dell’Ars a 160 mila euro, ma tutti gli altri hanno voluto deliberare 240 mila euro. Inoltre l’Ars non applica il Dlgs 33/13, art. 15, infatti sono sconosciuti curricula e stipendi dei singoli dirigenti e del neosegretario si sconosce la retribuzione di risultato. Ma se questa omertà accomuna l’Assemblea regionale siciliana al Senato, l’equiparazione, però, non è automatica, l’ha sentenziato recentemente il Cga!
 

Articolo pubblicato il 22 agosto 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus