Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Gup: provato che Lombardo dava appalti per avere voti
di Redazione

Depositate le motivazioni della sentenza del 19 febbraio con la quale l'ex presidente della Regione siciliana è stato condannato a 6 anni e 8 mesi di reclusione per concorso esterno all'associazione mafiosa

Tags: Raffaele Lombardo, Mafia



Raffaele Lombardo ha "sollecitato, direttamente o indirettamente, i vertici di Cosa nostra a reperire voti per lui e per il partito per cui militava (le regionali in Sicilia del 2001 e nel 2008 e le provinciali a Enna nel 2003) ingenerando nei medesimi il convincimento sulla sua disponibilità a assecondare la consorteria mafiosa nel controllo di concessioni, autorizzazioni, appalti e servizi pubblici". Lo scrive il Gup di Catania Marina Rizza nelle motivazioni della sentenza del 19 febbraio con la quale, a conclusione di un processo col rito abbreviato condizionato, ha condannato l'ex presidente della Regione siciliana a 6 anni e 8 mesi di reclusione per concorso esterno all'associazione mafiosa.
 
 
Secondo il giudice, l'ex governatore avrebbe "determinato e rafforzato il proposito dei capi e dei partecipi della medesima associazione di acquisire in modo diretto o indiretto la gestione o il controllo di attività economiche, concessioni, autorizzazioni, appalti e servizi pubblici" e di "ostacolare l'esercizio del diritto di voto e di procurare voti per sé e per altri".
 
 
Per il Gup Rizza appare "provato" che Raffaele Lombardo abbia "contribuito sistematicamente e consapevolmente", anche mediante "le relazioni derivanti dalla sua pregressa militanza in più partiti politici", alle "attività e al raggiungimento degli scopi criminali dell'associazione mafiosa" per "il controllo di appalti e servizi pubblici". Il Gup ritiene che l'ex presidente della Regione con "la promessa di attivarsi in favore dell'associazione mafiosa nell'adozione di scelte politiche e amministrative abbia intenzionalmente ingenerato, mantenuto e rafforzato il diffuso convincimento sulla sua completa disponibilità alle esigenze della consorteria".

Articolo pubblicato il 25 agosto 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐