Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

BB.CC: Soprintendenti sopramobili
di Stefania Zaccaria

Tutto fermo: ricerca di mecenati (L. 106/14), aperture di sera e nei festivi, biglietto unico e online. Patrimonio abbandonato. Cabina di regia assente e Regione che spende solo per i dipendenti. Solo il degrado avanza

Tags: Beni Culturali, Regione Siciliana



La L. 106/2014, che ha convertito il cosiddetto decreto Artbonus (dl 83/14), sta portando una ventata di aria nuova al settore dei beni culturali in Italia. Previste una serie di disposizioni per la tutela del settore, prima fra tutte l’introduzione di un credito d’imposta del 65 per cento per le donazioni a favore dei beni pubblici.
I primi risultati si cominciano a vedere già in diverse regioni italiane: i musei hanno registrato più visitatori, e quindi più incassi, e i turisti hanno accolto di buon grado anche l’apertura di diversi siti nelle ore serali. Tra i territori virtuosi non c’è di certo la Sicilia che fatica, invece, a imprimere un’accelerazione in tal senso. Le aperture dei musei nelle ore serali e nei festivi rimangono ancora un’utopia visto che si ripresenta continuamente il problema della mancanza del personale. Asu, Lsu e precari regionali, potrebbero senz’altro costituire una risorsa in tal senso – considerato che era in programma una rivisitazione dell’organico affidato ad altri enti - ma nessuna decisione è stata presa a riguardo.

Articolo pubblicato il 26 agosto 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐