Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Per le bonifiche serviranno 100 anni
di Rosario Battiato

Il ministero dell’Ambiente fornisce il quadro desolante: dal 1998, nei 4 Sin siciliani ripuliti soltanto 500 ettari su 7mila. Miglior risultato conseguito finora a Milazzo, peggiore a Biancavilla e Gela

Tags: Bonifiche, Ambiente, Ministero Ambiente, Milazzo, Biancavilla, Gela, Priolo, Inquinamento



PALERMO - Non è ancora possibile calcolare una media definitiva dell’avanzamento annuale delle bonifiche dei siti inquinati di Sicilia, ma di certo ci vorrà ancora molto tempo. A Milazzo, che è il più bonificato di tutti, in otto anni hanno provveduto a liberare quasi il 20% dell’intera area, una media di poco più del 2% all’anno.
All’anno zero, o quasi, sono invece Priolo, Gela e soprattutto Biancavilla che risulta uno dei sin più arretrati a livello nazionale. Facendo una stima tra l’avanzamento record del centro peloritano e l’attuale media registrata negli altri siti industriali di Sicilia si dovrà attendere ancora un secolo per vedere questi luoghi devastati dall’inquinamento completamente risanati e destinati ad attività sostenibili, sempre nella speranza che l’accelerazione impressa dal ministero dell’Ambiente non sia un fuoco di paglia. Fare in fretta è indispensabile, la grande crisi industriale di Sicilia non aspetta più nessuno.

Articolo pubblicato il 27 agosto 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐