Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Catania - Con un evento grandioso la città vuol ripartire dalla cultura
di Melania Tanteri

Un progetto di ampio respiro promosso dal sindaco Bianco. Direttore artistico il maestro Castiglione. Un festival internazionale intorno a Bellini e con tutte le istituzioni coinvolte

Tags: Catania, Enzo Bianco, Teatro Bellini, Festival Belliniano, Enrico Castiglione



CATANIA - Catania avrà un unico Festival dedicato a Vincenzo Bellini. Una grande manifestazione che dovrebbe portare la città etnea ai livelli di Bayreuth, Salisburgo, Torre del Lago, Pesaro che, intorno ai grandi nomi originari di quei luoghi, hanno  realizzato eventi internazionali.

Lo ha annunciato il sindaco Bianco nel corso di una conferenza stampa in cui, insieme all’assessore alla Bellezza, Orazio Licandro, e all’ideatore del primo Festival Belliniano, il regista e scenografo romano Enrico Castiglione, ha confermato la volontà, da parte delle istituzioni cittadine, di unire le forze per realizzare un unico, grandioso, evento, che coinvolga Catania e il suo teatro lirico, oltre alle città del Distretto del sud est.

“Questa – ha detto il primo cittadino, che in quanto sindaco è anche presidente del Bellini - è una delle prime iniziative da me proposte al nuovo Cda del Teatro e riprende l'idea lanciata dal compianto Domenico Danzuso di valorizzare quella grande risorsa della nostra città che risponde al nome di Vincenzo Bellini e che ha dato ottimi risultati anche con l'attività del maestro Castiglione”.

Un evento, quello dedicato al cigno catanese, che aveva suscitato numerose polemiche nel passato per via di un contenzioso intorno al nome, sul quale si è recentemente pronunciato il Tar di Palermo, stabilendo la legittimità e storicità consolidata del festival fondato da Castiglione.

“Basta divisioni - ha sottolineato Enzo Bianco. Se vogliamo dar vita a un evento di altissimo livello anche internazionale, dobbiamo riunire tutte le forze e le risorse, facendo sinergia tra Comune, Teatro, Università, Regione, Istituto musicale Bellini, enti pubblici e privati, e anche con il Governo nazionale e con il Ministro dei Beni Culturali”. Iniziando ad affidare la direzione artistica del Festival Belliniano a chi, negli anni, lo ha portato avanti con grande successo di critica e di pubblico: Enrico Castiglione, che sarà il direttore artistico, “a titolo gratuito” – ha specificato il sindaco.

Per via dei tempi stretti, si partirà l'anno prossimo e si porterà avanti la sperimentazione per due anni:  obiettivo manifestato dal regista romano è quello di valorizzare tutte le opere del Bellini e farle girare in tutto il mondo. “Il festival deve essere il biglietto da visita di Catania nel mondo” - ha sottolineato Castiglione, che ha ribadito la necessità di collegarsi con prestigiosi festival nazionali ed europei: “Prevediamo anche l'apertura a Paesi come Cina, Giappone, Stati Uniti e Francia, in particolare Parigi, dove Bellini morì e dove ci hanno chiesto di mettere in scena le sue opere – ha aggiunto.  Il nostro obiettivo – ha concluso - è anche quello di valorizzare le masse artistiche del Teatro Bellini, insieme alle realtà migliori della Sicilia, per creare un marchio doc, e questo grazie all'idea del sindaco di fare squadra tutti insieme”.

Articolo pubblicato il 09 settembre 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus