Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Ristrutturazioni: bonus del 50% anche con cambio di destinazione
di Bartolomeo Buscema

Precisazioni dell’Agenzia delle entrate: 65% per la sostituzione dei portoni d’ingresso. Il caso dell’immobile accatastato come ufficio, trasformato in abitazione

Tags: Agenzia Delle Entrate, Ristrutturazione, Detrazione



CATANIA - Bonus ristrutturazioni, e detrazioni fiscali per gli interventi di aumento dell’efficienza energetica sono locuzioni che ormai fanno parte del lessico quotidiano di molti contribuenti, anche se spesso questi ultimi non hanno chiari alcuni aspetti specifici. Ecco perché l’Agenzia delle Entrate ha ritenuto opportuno e necessario dare alcuni chiarimenti in tal senso. Lo ha fatto nel proprio sito web nella sezione dedicata alle domande frequenti (Faq-Frequent asked questions).

Cominciamo con il bonus relativo alle ristrutturazioni. La detrazione fiscale del 50% per gli interventi di ristrutturazione è riconosciuta anche se l’immobile, accatastato come ufficio, dopo i lavori è trasformato in un’abitazione. Nel provvedimento amministrativo che autorizza i lavori, deve però essere indicato in modo chiaro che gli interventi comporteranno il cambio della destinazione d’uso.

Ricordiamo che fino al 31 dicembre 2014 il “bonus ristrutturazioni” avrà un’aliquota pari al 50% con un tetto massimo di spesa pari a 96 mila euro per ciascun appartamento. Tale detrazione, nel 2015,  scenderà al 40%, sempre con il tetto massimo di spesa di 96 mila euro. Dal 2016, invece, il bonus fiscale tornerà all’aliquota precedente del 36% e il tetto di spesa scenderà a 48 mila euro.

Per quanto concerne la detrazione del 65%, per l’aumento l’efficienza energetica nel settore residenziale condominiale, l’Agenzia delle Entrate precisa che anche la sostituzione del portone d’ingresso è ammessa a tale detrazione a patto che il portone d’ingresso delimiti la parte riscaldata dell'edificio rispetto a quella esterna o ad altri locali non riscaldati e che siano rispettati i valori di trasmittanza termica unitaria richiesti per la sostituzione delle finestre, contenuti nelle tabelle 4.a e 4.b, al punto 4 dell’allegato C al D.lgs.192 /2005.  

Ricordiamo ancora che tale detrazione resterà pari al 65% fino alla fine del 2014, mentre scenderà al 50% nel 2015 e tornerà al 36% nel 2016. Nei condomini le spese sostenute fino al 30 giugno 2015 saranno detraibili al 65%, mentre quelle effettuate fino al 30 giugno 2016 usufruiranno del bonus al 50%.

Articolo pubblicato il 18 settembre 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus