Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Auto ibride a Termini Imerese, da Fiom no a Grifa
di Redazione

Ennesima riunione per la riconversione dello stabilimento ex Fiat al Mise, in bilico un investimento di 350 milioni. Mastrosimone: “Nel piano industriale numeri insufficienti, non c’è chiarezza per l’indotto”

Tags: Termini Imerese, Fiat, Regione Siciliana, Grifa, Fiom



PALERMO - La Fiom dice no alla proposta ddel gruppo Grifa perché non darebbe garanzie ai lavoratori di Fiat e Magneti Marelli a Termini Imerese (Pa). Il gruppo, che intende costruire auto ibride nell'ex stabilimento del Lingotto, ha illustrato ai sindacati un progetto che prevede investimenti per 350 milioni di euro e darebbe lavoro a 475 operai.

"La proposta non assicura continuità contrattuale per gli operai di Fiat e Magneti Marelli nel passaggio da un'azienda all'altra. Grifa ha ribadito la propria disponibilità ad assumere i dipendenti attingendo dalle liste di mobilità, questo significa che il passaggio propedeutico alla realizzazione di questo piano industriale sono licenziamenti collettivi" dice il segretario regionale della Fiom Roberto Mastrosimone al termine dell'incontro romano al ministero dello Sviluppo economico con l'ad del gruppo Augusto Forenza e i sindacati. "Il gruppo propone numeri insufficienti: assumere 475 operai su 770 operai di Fiat e Magneti Marelli non risolve il problema. Non è una strada praticabile. Per l'indotto non c'è chiarezza, sembrerebbe che questi lavoratori restino esclusi dal percorso".

Oggi le tute blu di Fiat e dell'indotto torneranno a riunirsi in assemblea davanti ai cancelli della fabbrica a Termini Imerese.
La riunione è andata avanti per alcune ore, nel pomeriggio, nella sede del ministero dello Sviluppo economico a Roma. Da una parte i sindacati, dall’altra l'amministratore delegato di Grifa, Agusto Forenza. Secondo quanto hanno riferito fonti sindacali presenti alla riunione, il gruppo disposto a costruire auto ibride nell'ex stabilimento del Lingotto, ha riproposto il piano illustrato nei precedenti incontri, che prevede investimenti per 350 milioni di euro e l'assunzione a regime di 476 operai entro il 2018 attingendo dalle liste di mobilità.

Sono 1.100 circa le tute blu di Fiat e dell'indotto in cig in deroga fino al 31 dicembre prossimo. A metà ottobre senza soluzioni, Fiat potrebbe avviare le procedure di licenziamento collettivo.

Articolo pubblicato il 23 settembre 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐