Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Tripadvisor, recensioni truccate, tra il 10 e il 15%
di Emiliano Zappalà

Denuncia all’Antitrust: l’assenza di controllo rischia di generare commenti falsi

Tags: Tripadvisor, Antitrust, Turismo



CATANIA - Sempre più utenti, tra turisti, escursionisti, villeggianti vari e aspiranti commensali, utilizzano ormai Tripadvisor come unica guida per orientare le proprie scelte. L’hotel consigliato, il ristorante ben recensito, la località raccomandata. In realtà però anche in questo caso potrebbe valere il saggio e vecchio principio del “fidarsi è bene, non fidarsi è meglio”. Da anni infatti molte associazioni denunciano, tra gli interventi presenti nel sito, innumerevoli fake; commenti fasulli che hanno il solo scopo di aumentare il livello di interesse per un determinato luogo.

Si prenda per esempio il caso eclatante dell’hotel Regency di Roma, chiuso nel 2007; su Tripadvisor sono stati pubblicati commenti di clienti che avrebbero usufruito dell’albergo di recente.
Per questo motivo Federalberghi ha chiesto l’intervento dell’Antitrust. Secondo l’associazione infatti, le recensioni prese in esame dimostrano l’assenza di un controllo da parte di Tripadvisor, che permetterebbe la pubblicazione di qualsiasi commento, anche quando questo è senza dubbio molto distante dalla realtà.

Federalberghi ha dichiarato, per bocca di alcuni suoi esponenti nazionali, che “per capire che si tratta di una ‘bufala’, sarebbe bastato uno sguardo al contenuto della recensione. Nonostante il cliente affermi che ci sono i lucchetti alle porte, che non c’è personale, che non ci sono ospiti, il sito accetta la dichiarazione attestante il soggiorno nel mese di giugno 2014 e pubblica il relativo giudizio. Un altro cliente, che dichiara di aver soggiornato al Regency nel marzo 2013, commenta le caratteristiche dell’ascensore, dell’impianto wi-fi, del personale, ed appioppa il relativo giudizio. Peccato che l’albergo fosse chiuso da quasi sei anni!”

Anche i ricercatori di Gartner, famoso centro di ricerca americano, si sono dedicati all’argomento. Essi stimano che il numero dei commenti falsi raggiunga una percentuale tra il 10% ed il 14%. Conti alla mano questo significa che, se Tripadvisor pubblica più di 100 milioni di recensioni, quasi 15 milioni sono “truccate”. Non sono certo numeri di poco conto. Senza considerare il fatto che, anche un singolo episodio, che nel complesso potrebbe sembrare poca cosa, assume una dimensione rilevante per il cliente gabbato o per l’impresa che vede compromessa la propria reputazione.
 
Ma Tripadvisor non ci sta e fa sapere che le recensioni fasulle riguarderebbero una minoranza dei casi. “Con 170 milioni di recensioni e opinioni e 100 contributi al minuto la community rappresenta di per sé una forza autoregolamentata. La ricerca di Gartner risale a due anni fa e non include nessun dato ufficiale o interno di Tripadvisor” ha scritto l’azienda in una nota di pochi giorni fa.

Articolo pubblicato il 24 settembre 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐