Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Ars, sfiducia rinviata, trasparenza da novembre
di Raffaella Pessina

La discussione della mozione congelata da Conferenza dei capigruppo. Entra in vigore codice per rendere tutto fruibile su internet

Tags: Ars, Rosario Crocetta, Giovanni Ardizzone



PALERMO - Leoluca Orlando taglia i ponti con il governo Crocetta. L’annuncio è di ieri nel corso della conferenza stampa al termine dell’assemblea straordinaria dei primi cittadini dell’Isola, a Palazzo dei Normanni, a Palermo, per discutere e denunciare lo stato di emergenza in cui si trovano i Comuni siciliani a causa di un stallo politico-istituzionale del governo regionale.
 
L’incontro, al quale hanno preso parte oltre 200 partecnoiati per 80 comuni siciliani rappresentati, è servito per stabilire le azioni da mettere in campo per affrontare le criticità dell’Isola, attraverso un confronto con il Parlamento siciliano. "Per noi il governo regionale non esiste più, ha smesso di essere un nostro interlocutore -ha detto il sindaco di Palermo - Facciamo una scelta di campo, riteniamo che l’unica interlocuzione politica sia con l’Assemblea regionale siciliana. Vogliamo aver fiducia che si possa realizzare assieme all’Ars un momento di sintesi istituzionale che non è stato consentito fino a oggi". "In prima commissione - ha proseguito Orlando - abbiamo presentato un documento unitario con le nostre proposte. Al termine dell’audizione si e’ deciso di proseguire il confronto con un tavolo permanente, cui saremo convocati ogni volta. Chiediamo che lo stesso ragionamento avvenga per tutti gli altri tavoli".

Ieri è invece saltata la riunione della commissione Lavoro all’Ars a causa dell’assenza del governo e così non si sono potuti discutere i due disegni di legge a firma Antonio Venturino sulla stabilizzazione definitiva di circa 24.000 precari della pubblica amministrazione. Presentato dal Movimento Cinque Stelle il ddl sull’edilizia, che inizia il suo iter in commissione Territorio e ambiente per arrivare alla sua definitiva approvazione in Aula.

La conferenza dei capigruppo ha stabilito il calendario dei lavori delle prossime settimane ed ha deciso di non inserire la mozione di sfiducia a Patrizia Monterosso, dirigente generale della Regione, che viene congelata in attesa di una pronuncia di ammissibilità degli uffici. Infine i lavori d’Aula sono stati aggiornati al prossimo mercoledì 15 ottobre.
 
In Aula inoltre è stato annunciato che gli uffici si sono dotati di un codice di trasparenza che entrerà in vigore il prossimo mese di novembre. Il codice dovrebbe finalmente rendere la burocrazia del Palazzo dei Normanni trasparente e fruibile a tutti i cittadini direttamente dal sito internet.

Articolo pubblicato il 09 ottobre 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐