Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

I quartieri più Hipster e Hippy di San Francisco tra cultura, architettura, arte e tendenze
di Nicoletta Fontana

In giro nel quartiere di Haight Ashbury, punto focale della Beat generation, tra graffiti, negozi vintage e coffe shop

Tags: San Francisco



Se la Statua della Libertà è simbolo di New York, il Golden Gate è l’indiscutibile icona di San Francisco e ne rimane  “eterno protagonista” anche quando la nebbia lo avvolge totalmente.
Il Fisherman’s Wharf, l’isola di Alcatraz, la Lombard Street, Chinatown, Little Italy, la scultura a forma di cuore in Union Square  che quest’anno è stata donata da Marius Starkey (sempre a favore del San Francisco General Hospital Foundation), come una salita appesi al Cable Car, mangiando un pezzo di cioccolato Ghirardelli, sono senz’altro le cose da fare  per chi  arriva in città per la prima volta.

La mia San Francisco ha invece un animo po’ più “hippy” e decisamente “hipster” e così vi invito a dirigervi subito nel leggendario  quartiere di Haight Ashbury.
Questo luogo è il punto focale della Beat Generetion rifugiatasi qui negli anni 60 per gridare alla pace, all’amore libero e alla droga. Il quartiere è pieno di graffiti, negozi vintage, coffe shop, che per  puro spirito hippy portano addirittura  il nome di Ganesh. Pullulano shop di tatuaggi, ma anche ristorantini bio e trendy store, che per i più ricercati, propongono sneakers in limited edition.

Gli “homeless” che lo popolano, espongono i loro cartelli di carità con delle frasi accattivanti, basterà donargli  un “buck”  (nello slang, un dollaro) e lo scatto  vi sarà permesso. Tra le case in stile  vittoriano non potrà sfuggirvi quella dalla quale sporgono le due belle gambe in calze a rete, emblema indiscusso del district. In realtà al suo interno si trova il negozio di travestimenti più famoso di San Francisco la “Piedmont  Boutique”, e visto che Halloween è alle porte, diventa  una meta imperdibile per il prossimo travestimento.
 
Risalendo la collina, sicuramente colpiti da un gelido vento, si arriva in Alamo Square dove vi  aspettano le “sette sorelle”, quella serie di case vittoriane tutte  in fila che hanno come sfondo  i grattacieli di downtown; la fatica della salita verrà subito dimenticata perché da qui si può ammirare una delle più belle e contrastanti vedute architettoniche della città. Qualche passo e sarete nel cuore verde di San Francisco entrando al Golden Gate Park con la precisa idea di dirigervi  verso il “De Young Museum”. Il museo firmato dallo studio Herzog and de Meuron insieme a Fong & Chan Architets di San Francisco, considerato un autentico capolavoro del design contemporaneo.
 
La grandiosa struttura in rame è l’opera più complessa e mai tentata fino ad oggi. Dalla torre contorta dell’edificio è possibile godere di un panorama a 360 gradi su  tutta la città e rappresenta anche un’ottima occasione per fare delle foto spettacolari. Nel giardino sono esposte numerose sculture e trovo stupendo poter passeggiare tra opere di grandi maestri come Calder, Amerson, Kraitz e non ultimo il nostro Arnaldo Pomodoro. 
 
Finito “l’architour”, non resta che addentrarsi nelle sale espositive permanenti che comprendono una significativa collezione di oltre 27.000 opere dell’arte americana di tutti i tempi. Dal prossimo 8 novembre sarà presente Keith Haring, maestro antesignano del graffitismo americano. Da non perdere!

I “Trend Setter” aspetteranno volentieri la prossima puntata per scoprire i luoghi più Hipster di questa fantastica città!

Per maggiori info consultare
www.visitcalifornia.it
www.sanfrancisco.travel
 
(venerdì 24/11 la seconda e ultima parte del racconto di viaggio)

Articolo pubblicato il 17 ottobre 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Fisherman’s Wharf
Fisherman’s Wharf
Lombard Street
Lombard Street
Il cuore in Union Square
Il cuore in Union Square