Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Innovazione, in Sicilia città "deficienti"
di Rosario Battiato

Nuove tecnologie, mobilità alternativa ed ecosostenibile: i centri dell’Isola bocciati dal rapporto Icity Rate 2014. Sindaci dormienti, le Smart city italiane ed europee sono lontane anni luce

Tags: Innovazione, Smart Cities



PALERMO – Gli indicatori “smart” che contraddistinguono le città cosiddette “intelligenti” sono quelli legati all’innovazione, alla connessione e alla sostenibilità ambientale. Come stanno le città siciliane da questo punto di vista? Purtroppo nelle varie classifiche si piazzano sul bordo della cornice nazionale, distanti dal centro, con un posizionamento attuale desolante: la migliore è Palermo (82° posto) seguita a distanza da Ragusa, posizione numero 93, e poi Messina e Catania, rispettivamente alla 94 e 96. Le altre siciliane si trovano nelle ultime dieci posizioni nel rapporto Icity rate 2014, realizzato da Forum Pa per Smart city exhibition, che ha esaminato 106 comuni capoluogo.  Tuttavia, i Comuni sono ancora in tempo per approfittare dei tanti fondi a disposizione e per innestarsi lungo la strada della città intelligente del “modello europeo”.

Articolo pubblicato il 31 ottobre 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus