Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Ars, Crocetta presenta la nuova Giunta
di Raffaella Pessina

Per Sala d’Ercole dopo la seduta di ieri, lavori rinviati a martedì. Rinviata a dicembre la nomina del secondo vicepresidente

Tags: Ars, Rosario Crocetta, Giunta Ter



PALERMO - Una sola mattinata di lavoro all’Ars (oltre ad un paio d’ore del giorno prima) occupata dalla presentazione dei nuovi assessori del Governo Crocetta ter. Così si è conclusa la settimana parlamentare siciliana, i cui lavori sono stati rinviati a martedì della prossima settimana.

Nel corso della seduta di ieri dopo la lettura dei decreti di designazione dei dodici assessori con l’assegnazione delle poltrone, è intervenuto il Governatore che ha evidenziato la necessità di  superare questa fase buia della conflittualità. “Ogni anno una mozione di sfiducia - ha detto Crocetta - e mi fate stappare ogni volta una bottiglia di spumante, siciliano ovviamente, perché sono sicilianista”. Ed ha ribadito il concetto del “nuovo inizio” con questo esecutivo, “un’alba dopo la notte del conflitto tra le istituzioni”. Priorità “assoluta” - per Crocetta - la riforma delle Province: “Si tratta di procedere speditamente, evitando sedute interminabili sui disegni di legge. Sono sicuro che potremo fare un gran lavoro”.

Queste le poltrone assegnate: Lucia Borsellino alla Salute, Linda Vancheri alle Attività  produttive, all’Economia Alessandro Baccei, nome concordato con il sottosegretario alla Presidenza Graziano Delrio. In quota Pd vanno Cleo Li Calzi al Turismo, Bruno Caruso al Lavoro e Famiglia, Vania Contrafatto all’Energia, Antonio Purpura  ai Beni culturali. Per l’Udc Marcella Castronovo alle Autonomie locali e Funzione pubblica, e Giovanni Pizzo alle Infrastrutture. Alla Formazione professionale Mariella Lo Bello, nominata anche vice presidente, per il Pdr Maurizio Croce al Territorio. Nino Caleca per Art. 4  alle Politiche agricole.

Dopo l’intervento del Governatore è stato dato spazio agli interventi dei capigruppo. Marco Falcone (FI): “Abbiamo presentato una mozione di sfiducia con grande senso istituzionale, senza mai andare sopra le righe. Ritenevamo, presidente, che il suo percorso politico non fosse gradito ai siciliani. Quando ha detto che questo governo non poteva essere peggiore del precedente, ha di fatto confermato l’utilità della nostra mozione”. Luca Sammartino (Articolo 4) ha invitato Crocetta ad essere garante della coalizione. “Spero che questo governo riesca anche a fare uscire la Sicilia dalle fauci della criminalità organizzata”.
 
Giovanni Di Giacinto (Megafono) ha detto che “Questo governo è il frutto del dialogo tra le diverse forze della maggioranza, divisioni che hanno reso tortuoso l’iter legislativo, ma questa è la sfida che abbiamo accettato, quando i siciliani hanno dato fiducia al presidente Crocetta”. Santi Formica (Lista Musumeci) spera che il nuovo governo possa avere un rapporto più serio col governo nazionale, che finora ha assassinato la Sicilia”. Il presidente dell’Ars Ardizzone ha annunciato che verrà nominata una commissione per la riforma dello Statuto, per superare istituti “ormai troppo vecchi o inapplicabili”. Rinviata invece al mese di dicembre l’elezione del vicepresidente dell’Ars sia perché non si trova un nome condiviso e sia per dare priorità all’attività parlamentare, incardinando in Aula il ddl del governo sulla proroga dei commissari. Verrà data priorità anche alla norma sulle province.

Articolo pubblicato il 06 novembre 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
La nuova Giunta presentata da Crocetta martedý
La nuova Giunta presentata da Crocetta martedý


´╗┐