Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Catania - Vecchie ferrovie e piste ciclabili ad Acireale, rivoluzione della mobilità
di Desirée Miranda

L’uso della bici ostacolato dai pochi fondi e dalle cattive abitudini, come le auto in sosta selvaggia. Gli sforzi della nuova amministrazione acese e le resistenze dei commercianti

Tags: Pista Ciclabile, Mobilità, Acireale, Pietropaolo Rori, Roberto Barbagallo



ACIREALE (CT) - “Finalmente anche la città ha la sua pista ciclabile completa di autorizzazione e segnaletica verticale e orizzontale. Siamo felici di avere dato anche questo servizio ai nostri concittadini”. Così l'assessore alla Viabilità Pietropaolo Rori parla della pista che l'amministrazione guidata da Roberto Barbagallo ha creato nel comune acese dopo l’annuncio in campagna elettorale e le voci che si sono susseguite nelle prime settimane di mandato. Due i chilometri attrezzati, seppure mancano ancora le rastrelliere, e 3500 gli euro spesi dall'amministrazione per la sua realizzazione. La prima pennellata ad agosto, ma solo ad ottobre la sua attivazione reale.
 
“Abbiamo avuto tempi lunghi perché era una cosa nuova, da studiare e abbiamo superato buona parte delle criticità riscontrate in questo periodo di prova come quelle agli incroci, risolte con alcuni specchi”, spiega l'assessore. Maggiori controlli poi, sono applicati per evitare il posteggio in doppia fila e anche auto e mezzi a due ruote posteggiati proprio sulla pista. Altri correttivi sono al momento al vaglio dell'amministrazione, perché è in preparazione qualche cambio alla viabilità cittadina. “Stiamo ancora decidendo”, dice Rori.

Sembrano superati anche i problemi con i commercianti. La pista infatti, sorge accanto il marciapiede e accanto alla pista ci sono le strisce blu per l a sosta controllata. I commercianti non hanno gradito questa soluzione perché sembra che utilizzino le strisce a pagamento perle proprie vetture e i loro clienti sono soliti lasciare lasciare la macchina in doppia fila. Questo adesso, con l'introduzione della pista non più possibile perché altrimenti il mezzo in doppia fila ostruirebbe il passaggio del traffico. “Abbiamo il sospetto che la polemica fosse solo strumentale per difendere in qualche modo la doppia fila, anche se i commercianti non si sono mai espressi in questi termini – dichiara l'assessore Rori – ma ovviamente non possiamo permetterlo. Per cercare di venire incontro alle loro esigenze vogliamo quindi introdurre tagliandi della sosta a prezzi agevolati per loro in tutto il circuito come quelli per la sosta di mezz'ora. È difficile modificare i comportamenti, ma è questione d'abitudine”, aggiunge Rori.

Non sono finite qui le novità per Acireale in campo di pista ciclabile. Allo studio c'è infatti la trasformazione di un  progetto della precedente amministrazione per la trasformazione del vecchio circuito della ferrovia in zona pedonale e ciclabile. “Il progetto che abbiamo richiede una spesa di circa due milioni di euro, mentre il nostro sindaco è riuscito ad avere dalla Regione una promessa di finanziamento per 800 mila euro. Dobbiamo quindi adeguare il progetto e soprattutto avere certezza dell'arrivo di questi fondi”, spiega ancora l'assessore alla viabilità acese. La volontà sarebbe quella di avviare l'iter per la sua realizzazione per l'estate prossima, “sperando di non essere bloccati dalla burocrazia come spesso accade”, conclude Rori.

Articolo pubblicato il 12 novembre 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus