Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twittergoogle qds rss qds
Quotidiano di Sicilia

Dai rifiuti l’energia per ripartire
di Rosario Battiato

Le discariche chiudono e l’immondizia invade le strade. La soluzione è nella L. 164/2014 voluta da Renzi. Attivare in Sicilia gli impianti industriali a base di Rsu, per produrre occupazione e redditi

Tags: Energia, Carburante, Rifiuti, Biocarburante, Rsu



PALERMO – I rifiuti straripano dai cassonetti e il sistema siciliano di gestione trabocca di inefficienze, tra incompiute infrastrutturali e normative. A fronte di una raccolta differenziata ancora minima (poco più del 13%) il malloppo più cospicuo è pronto per l’interramento, anche perché i siciliani sembrano disconoscere la gerarchia del rifiuto sancita dall’Ue. Le Ato, nonostante le promesse “rivoluzionarie” di Crocetta, continuano a essere prorogate con l’ultima scadenza che, in alcune realtà, li ha portati fino alla metà del gennaio prossimo. Se Crocetta pensa ancora alle discariche per risolvere l’emergenza, il Governo nazionale ragiona sulle migliori esperienze europee e in tal senso si inserisce l’art. 35 della Legge 164/2014, la cosiddetta “Sblocca Italia”. La risposta è quindi data dalla presenza degli impianti di valorizzazione energetica del rifiuto nelle realtà nazionali ed europee più avanzate.

Articolo pubblicato il 13 novembre 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus