Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Audizioni su bilancio e trivellazioni
di Giovanna Naccari

In commissione Ambiente fronte del No allo Sblocca Italia.Il M5S ha proposto un referendum abrogativo

Tags: Ars, Bilancio, Trivellazioni



Palermo - No alle trivellazioni nel Canale di Sicilia. Lo ha deciso l’Ars, approvando mercoledì due mozioni e un ordine del giorno, ma in commissione Ambiente di mattina si era già delineata una opposizione alle attività estrattive largamente condivisa tra la politica e i cittadini.

Il decreto Sblocca Italia, convertito in legge n. 164 dell’11 novembre 2014 (articolo 38), secondo il fronte del no, come è emerso in commissione Ambiente, consentirebbe procedure semplificate alle società che chiedono autorizzazioni su prospezioni petrolifere con gravi danni al territorio e alla salute.

Il Movimento 5 Stelle ha proposto un referendum abrogativo. “Questo articolo va fermato a tutti i costi e noi abbiamo il dovere morale di tentare tutte le iniziative possibili se vogliamo salvare la nostra terra dal disastro", ha detto il presidente della commissione Ambiente, Giampiero Trizzino.

Ad opporsi anche Antonella Milazzo (Pd): “Non credo che dall'estrazione di idrocarburi e dalla violazione dei territori possa nascere lo sviluppo”, ha affermato la parlamentare. Ha sollecitato un piano energico con l’utilizzo di fonti rinnovabili la collega Mariella Maggio (Pd).

Nino D’Asero presidente del Nuovo Centrodestra ha presentato un atto ispettivo firmato da tutto il gruppo sulle annunciate nuove trivellazioni. Anche l’associazione dei Comuni siciliani ha ribadito il no alle trivelle. “Abbiamo già espresso ampiamente quale è la nostra posizione e intendiamo continuare nella difesa delle coste della nostra Isola”, ha dichiarato Leoluca Orlando, Presidente Anci Sicilia, in linea con le associazioni ambientaliste. 

In commissione Affari istituzionali sono rimaste bloccate per alcuni approfondimenti, le nomine dei manager delle Asp di Enna, Catania e Caltanissetta, firmate dal presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta. In commissione Bilancio ha debuttato il neo assessore regionale all’Economia Alessandro Baccei. Nell’audizione con il nuovo componente della Giunta Crocetta si è discusso delle strategie per ridurre i costi regionali e per puntare sullo sviluppo.

Articolo pubblicato il 15 novembre 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus