Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Auto blindate, Regione ci rinunci e risparmi
di Raffaella Pessina

Marco Falcone, capogruppo Fi all’Ars, ha chiesto la revoca del bando. Gara andata deserta due volte, nessun fornitore si fida

Tags: Marco Falcone, Ars, Rosario Crocetta, Auto Blu



PALERMO - È rientrata la delegazione siciliana che si era recata in missione alla fiera “Brand Italy - Exhibition of excellence”, svoltasi a Doha, capitale del Qatar. Alla missione hanno partecipato 120 aziende e il presidente della Regione Crocetta ha indetto una conferenza stampa per relazionare sui risultati raggiunti. “Ci siamo trovati di fronte alla possibilità di scoprire un nuovo mercato dove l’impresa siciliana non è tradizionalmente presente - ha detto Crocetta -  ho avuto modo di stringere accordi con lo sceicco del Qatar, Mohamed Al Emadi, per assicurare la presenza di un comparto dedicato alle aziende siciliane nel centro commerciale Al Hazm, di proprietà dello sceicco, che aprirà a Doha ad aprile”.
 
Il governatore ha ipotizzato “collegamenti diretti” per favorire gli scambi commerciali tra il Paese arabo e la Sicilia. “Molti operatori siciliani -  che hanno partecipato a seguito della adesione ad un bando pubblico -  avranno contratti in questo centro commerciale, dal settore agroalimentare (anche biologico), a quello della  moda e dei gioielli”, ha riferito Crocetta. Il governatore ha aggiunto che si è trattato del primo di altri viaggi per promuovere le aziende siciliane per  scambi commerciali con i Paesi del Mediterraneo.

Sulla situazione politica Crocetta ha detto che fino ad oggi è stato impegnato a trovare la maggioranza in Assemblea o a fare rimpasti di giunta. “Il fatto di aver un governo che si è in qualche modo istituito - ha detto - adesso mi consente di occuparmi di altro. Ad esempio, lavorar per l’internazionalizzazione della Sicilia e attrarre, così, investimenti dall’estero in Sicilia”.
 
Intanto alla Regione non si è presentata alcuna impresa al bando per la fornitura a noleggio di auto blindate alla Regione siciliana, per un totale di un milione e 440 mila euro che l’amministrazione regionale pagherebbe per un affitto di 5 automezzi, senza conducente, per la durata di 48 mesi. Si tratta di 6.000 euro al mese per ciascuna auto, Iva esclusa. Anche il precedente bando era andato a vuoto. Uno dei motivi potrebbe essere per i tempi lunghi per i pagamenti della pubblica amministrazione e i rischi di contenziosi.

Il capogruppo di Forza Italia all’Ars, Marco Falcone ha chiesto la revoca della gara perché esosa. “Faccia ammenda il governatore -ha detto il capogruppo forzista - e revochi la gara.  Se poi ritiene insostituibili le auto blindate ne prenda solo tre che corrispondono alla dotazione relativa alla sua persona e non ad altri e, comunque, per il periodo residuo al suo mandato, pari a tre e non a quattro anni”.

Intanto resta fissata per oggi pomeriggio la seduta d’Aula a Palazzo dei Normanni con all’ordine del giorno anche la elezione del vice presidente dell’Ars. Il segretario regionale del Pd Fausto Raciti nello scorso fine settimana ha detto che è “legittimo che l’opposizione rivendichi sua presenza nel Consiglio di Presidenza dell’Ars” ed ha aggiunto che il Pd capirà “ con gli altri gruppi della coalizione quale direzione di marcia prendere”.

Articolo pubblicato il 18 novembre 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Marco Falcone, capogruppo Fi all’Ars
Marco Falcone, capogruppo Fi all’Ars