Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Ars, sugli idrocarburi Crocetta cambia il tiro
di Raffaella Pessina

Firmata un’aggiunta al protocollo d’intesa con Assomineraria del 4/06/14. Ardizzone: “Il Parlamento deve controllare cosa fa il Governo”

Tags: Rosario Crocetta, Ars, Trivellazioni



PALERMO - Sulle trivellazioni il governatore della Sicilia ha aggiustato il tiro e ieri pomeriggio ha firmato una aggiunta al protocollo di intesa sottoscritto il 4 giugno 2014 con il presidente del settore idrocarburi di Assomineraria Pietro Cavanna. È stato stabilito che il Comitato, sarà integrato dal dirigente generale del dipartimento della Pesca mediterranea e dal dirigente generale del Dipartimento dei beni culturali e dell’identità siciliana. “Oltre a questo c’è l’impegno, è scritto in una nota del Presidente della Regione - relativamente a tutte le attività di estrazione di idrocarburi sul territorio della Regione siciliana (onshore) e nell’offshore ad esso adiacente, ad avviare l’iter affinchè tali attività siano svolte attraverso soggetti giuridici aventi la sede legale nel territorio della Regione”.

Sulla vicenda è intervenuto il presidente dell’Ars Ardizzone sottolineando: “Il Parlamento ha il compito di controllare quello che fa il governo e se il presidente della Regione ha sentito la necessità di modificare l’accordo sottoscritto con Assomineraria, vuol dire che qualcosa che non andava, c’era”.

“Occorre - ha ribadito - il rispetto per questa istituzione, possiamo poi condividere o meno il contenuto delle mozioni, ma è certo che il Parlamento ha il dovere di controllare l’azione del governo. Se si viene peraltro alla luce del sole all’Ars e si riferisce quello che si è fatto, non credo ci sia nulla di male. Fino a prova contraria il potere principe è quello legislativo e il popolo è rappresentato dal Parlamento”.

In merito alla mozione contro la Monterosso il Presidente dell’Ars ha deciso di puntualizzare. “Ho inteso dichiarare ricevibile la mozione del Movimento 5 stelle - ha detto Ardizzone - perché obiettivamente lo è. Non c’è nulla di male se il governo viene, nel merito, a confrontarsi in Aula. E’ stata la conferenza dei capigruppo, avendo i miei uffici ritenuto ammissibile la mozione, a decidere che venga esaminata”. “In base al regolamento dell’Ars sulla questione del segretario generale della Regione ci sono diversi dubbi interpretativi - ha aggiunto Ardizzone -  un articolo del regolamento interno prevede che sia l’Aula a pronunciarsi e così sarà. Il M5S ha posto una questione, ma anche se fosse stato un singolo parlamentare, su una mozione che impegna il Governo sarà il Parlamento ad esprimersi”.
 
Ieri a Palazzo dei Normanni si è tenuta la cerimonia di consegna delle borse di studio che la Fondazione Falcone consegna ogni anno dal 1994 a 10 laureati con il massimo dei voti in giurisprudenza nelle università siciliane con progetti di ricerca sulla legalità.”I contributi di questi giovani già formati – ha detto Ardizzone - evidenziano l’esigenza di approfondire vari argomenti che fanno da spunto al lavoro delle nostre commissioni legislative, dai progetti sulla criminalità organizzata nei flussi migratori, a quelli sugli appalti pubblici e sulla green e black economy”.

Articolo pubblicato il 21 novembre 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus


´╗┐