Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Ragusa - Strategie per il rilancio economico
di Stefania Zaccaria

Il sindaco di Ispica, Rustico: “Fondamentale per la promozione delle produzioni agricole e vitivinicole”. Il progetto Ruter è finalizzato al potenziamento del turismo e dei prodotti locali

Tags: Ragusa, Economia



RAGUSA – Lo sviluppo e la promozione dei percorsi enogastronomici sulle produzioni agricole di qualità. Sono queste le finalità del progetto Ruter, Ruralità e Territorio, finanziato dal programma di sviluppo rurale del Fondo europeo agricolo ed eseguito nei Comuni di Modica, Ispica, Scicli e Santa Croce Camerina.
 
Il progetto, nato per incentivare le attività turistiche e la fruizione degli itinerari rurali, sta seguendo diverse direttive nei vari centri e ciascun Comune si sta muovendo anche in maniera autonoma per lo sviluppo delle molteplici proposte. A Modica, ad esempio, si è già svolta una riunione di coordinamento per la partecipazione al progetto, convocata dal vicesindaco Giorgio Linguanti: al centro del dibattito, la creazione di itinerari enogastronomici di qualità per i quali si sta predisponendo la presentazione e la presenza anche in vetrine nazionali come la Bit di Milano e la Bmt di Napoli.

Anche a Ispica, gli attori coinvolti nel progetto hanno già organizzato qualche incontro e, proprio qualche giorno fa, è avvenuta la consegna del materiale relativa al programma europeo. Paolo Ferlisi, presidente dell’associazione culturale Sud che ha elaborato il progetto, ha affidato al sindaco di Ispica Piero Rustico e all’assessore allo Sviluppo economico Teresa Amendolagine uno smartphone, un tablet e un laptop, messi a disposizione del personale dell’ufficio Sviluppo economico quale ausilio tecnologico per lo svolgimento del progetto stesso.

“Sono convinto che il progetto Ruter – ha sottolineato Rustico - riesca a coniugare perfettamente la necessaria promozione delle produzioni agricole e vitivinicole d’eccellenza del territorio ibleo con l’importantissima opera di preservazione del territorio agricolo, vero tesoro e peculiarità della nostra provincia da custodire gelosamente”.

La provincia iblea parteciperà a pieno titolo al programma con le diverse produzioni di qualità, a partire dall’olio Dop dei Monti Iblei, i vini Doc Eloro e Docg Cerasuolo di Vittoria, il formaggio Ragusano Dop, la Carota Novella di Ispica Igp, il Pomodoro di Pachino Igp e i prodotti a marchio biologico. Le aziende produttrici di queste e altre specialità degli iblei saranno inserite a pieno titolo in circuiti turistici di qualità, nell’ottica di una rete qualificata di servizi, nonché della promozione e vendita di prodotti tipici locali.

Articolo pubblicato il 30 novembre 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐