Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Trasporti a pezzi, sviluppo al palo
di Rosario Battiato

Settori fondamentali per l’economia come il commercio e il turismo penalizzati dal grave deficit infrastrutturale. Sistema porti-aeroporti-ferrovie senza coordinamento: crescita bloccata

Tags: Sicilia, Regione Siciliana, Trasporti



PALERMO - Qualcuno provi a raggiungere con i mezzi pubblici l’aeroporto di Comiso partendo da Enna o Caltanissetta: quasi impossibile. Ci si dovrebbe confrontare con un viaggio interminabile che probabilmente riuscirebbe a scoraggiare anche l’eroe epico Odisseo.
Questo è il paradosso di una Sicilia che da anni, almeno a parole, dice di voler puntare ad una migliore mobilità ma che alla prova dei fatti sembra sempre più vicina all’Africa che all’Europa. Troppo difficile, a quanto pare, connettere decentemente le varie infrastrutture: porti, aeroporti, ferrovie, mezzi pubblici restano infatti frammentati e privi di un coordinamento sia per la realizzazione che per la gestione.
Un dramma per cittadini e imprese, un oltraggio per il turismo. Senza collegamenti efficienti, l’economia è destinata a restare inchiodata al palo.

Articolo pubblicato il 29 novembre 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐