Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Catania - Tari, dilazione in sole due rate. L'assessore assicura modifiche
di Melania Tanteri

Una nuova articolazione del tributo relativo ai rifiuti potrebbe aiutare i cittadini a pagare meglio. Aliquote alte e regolamento da cambiare. Lo chiede anche Confcommercio

Tags: Catania, Tari, Confcommercio, Giuseppe Girlando



CATANIA - Dicembre, mese di gioie e dolori. Se da un lato manca poco alle festività natalizie, che per molti significano vacanza, famiglia e relax, dall’altro arrivano a scadenza le tariffe locali, vero e proprio giogo per i cittadini. Come la Tari, la tassa sui rifiuti, il cui saldo, ovvero la seconda rata, dovrà essere versato entro il 16 dicembre. Come comunicato dall’amministrazione, sono infatti in corso di distribuzione gli avvisi di pagamento per il saldo della tassa sulla spazzatura relativa all'anno 2014.

Ma sono in tanti a storcere il naso di fronte alla mancata possibilità di rateizzare ulteriormente un importo, quello relativo alla tassa sulla spazzatura, che a Catania è tra i più elevati d’Italia, al contrario di quanto stabilito da Palazzo dei Chierici, che ha previsto solo due rate. Soprattutto considerato il fatto che altri enti locali hanno previsto una maggiore dilazione del pagamento.

“Per quanto riguarda la possibilità di rateizzare il pagamento in più di due tranche – ha spiegato l’assessore al Bilancio del Comune di Catania, Giuseppe Girlando - questo è legato al sistema di tassazione che è probabile cambierà nuovamente, come accaduto negli ultimi anni. Nel caso dovesse essere modificato nuovamente – ha aggiunto – cambieremo il regolamento sulla materia che ci permetterà di modificare il numero delle rate previste. In caso contrario – ha concluso – cercheremo lo stesso di aumentare il numero delle rate”.

Una richiesta avanzata anche da Confcommercio che, in occasione dell’incontro con il Consiglio comunale, ha chiesto di studiare una nuova articolazione del tributo da applicare eventualmente già dal 2016.

In ogni caso, per il 2014, le rate rimangono due e l’ultima scade tra dieci giorni. “Grazie all’organizzazione predisposta – ha sottolineato l’assessore Girlando – confidiamo nel fatto che tutto possa svolgersi senza problemi”. Comunque, chi non dovesse ricevere l'avviso – ha continuato - potrà richiederlo inviando una email all'indirizzo tari@comune.catania.it oppure presentarsi allo sportello aperto nel Palazzo dei Chierici, in piazza Duomo, nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9 alle 12 d il giovedì dalle 15,30 alle 17”. L’assessore ha spiegato inoltre come quei contribuenti che volessero invece chiarimenti riguardo alla loro posizione, dovranno invece prenotare un appuntamento chiamando ai numeri disponibili sul sito del Comune (www.comune.catania.it) o prenotarsi via web dalla sezione Ici-Tarsu dello stesso sito istituzionale.

Articolo pubblicato il 06 dicembre 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐