Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Politici e burocrati di Roma ladrona
di Carlo Alberto Tregua

Cancrena senza anticorpi

Tags: Roma, Corruzione



Roma ladrona, ricordate, tuonava Umberto Bossi. Solo che lui guardava fuori dal suo uscio dimenticando la spazzatura che c’era dentro la propria casa, spazzatura formata da ruberie, appropriazioni e ammennicoli vari.
Tuttavia, c’è una verità, che è emersa come un boato nell’inchiesta che ha travolto politici e burocrati di tutti i partiti, nonchè affaristi di vario calibro che certo non possono essere denominati imprenditori.
È un obbrobrio lessicale ed etico, infatti, la denominazione di imprenditore mafioso che tanti giornalisti superficiali affibbiano ai criminali. L’imprenditore, per sua natura, non può essere mafioso, perché nel mercato deve competere in modo corretto e non può ricorrere alla violenza da usare nei confronti dei propri competitori.
D’altra parte, il mafioso non può essere imprenditore, perché ottiene commesse per forniture, beni ed opere pubbliche in modo delinquenziale, coartando i terzi e corrompendo politici e burocrati. Dunque, o si è criminali o si è imprenditori.

Se a Roma la cancrena della corruzione ha colpito tanti gangli vitali, non è un caso. Nella Capitale d’Italia la pubblica amministrazione è dominante. Al suo interno il malaffare è diffuso, anche se la maggior parte dei dirigenti e dipendenti pubblici è onesta e corretta, ma ha il peccato originale della connivenza. Le persone perbene che vedono reati compiuti da propri colleghi hanno il dovere etico di denunziarli senza alcuna esitazione.
Non si capisce perché la Cisl, che ha la massima rappresentanza dei pubblici dipendenti, non ha detto una sola parola su questo tragico evento che sta arrecando disdoro su tutta l’Italia. Ma anche gli altri sindacati che rappresentano i pubblici dipendenti hanno il dovere morale di evidenziare l’imperativo di fare pulizia, di additare i corrotti e gli inefficienti e di emarginarli.
Lo stesso dovere etico grava sulla classe politica, nella quale vi sono tantissime persone oneste e corrette. Ma anch’esse, che normalmente sanno quello che accade, non muovono un dito e non dicono una parola sulle porcherie che fanno i loro colleghi. È proprio questa omertà e questo silenzio che contribuiscono alla diffusione della cancrena che è la corruzione.
 
Infine, terzo soggetto sociale responsabile del degrado nella Cosa pubblica, è tutta la Classe dirigente. Professionisti, imprenditori, dirigenti privati, responsabili di associazioni di consumatori e ambientalisti, leader di club service ed altri pezzi della società si occupano di ben altro. Chiudono gli occhi e le orecchie e non si azzardano di denunciare l’aria fetida che si sta diffondendo nel Paese a tutti i livelli e che ci discredita tutti, dal primo all’ultimo cittadino.
Pensare che il sacco di Roma sia un fenomeno isolato è un modo per alimentare ulteriormente la diffusione della cancrena che, come è noto, non curata drasticamente, continua ad espandersi e a mordere tutte le parti del corpo sociale.
C’è una soluzione a questo pericolo, causa primaria dello stato di decomposizione economico sociale del Paese? Sì, c’è. Il Governo dovrebbe proporre, ed il Parlamento approvare, in trenta giorni, l’istituzione del Niai (Nucleo investigativo affari interni) in tutti gli enti pubblici ed in tutte le loro partecipate.

Uno dei primi provvedimenti del Governo Renzi è stata l’istituzione dell’Anac (Autorità nazionale anticorruzione) nominando al suo vertice il magistrato Raffaele Cantone. L’Anac ha assorbito la Civit (Commissione valutazione, trasparenza e integrità delle pa).
Pensare che l’Anac possa scoprire la corruzione che si trova in tutti gli enti pubblici italiani e nelle loro partecipate è illusorio. Ecco perché in ognuno di essi devono esserci gli anticorpi costituiti dal Niai.
Serve a poco il responsabile anticorruzione previsto dalla legge 190/12 perché si tratta di un funzionario interno che fa anche altre cose, mentre il Niai dovrebbe essere un nucleo di investigatori che, a sorpresa, controlli tutti i dipartimenti e tutti i settori di enti e società pubbliche andando a snidare le sacche di ineffcienza che sono la fonte della corruzione.
Infatti, molti pubblici dipendenti tengono i fascicoli sui tavoli in attesa che qualcuno glieli solleciti col pagamento di una mazzetta.
Occorre ribaltare subito quanto precede con dosi fortissime di adeguate medicine. Oppure avverrà il crollo.

Articolo pubblicato il 06 dicembre 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus