Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Contratti con le Regioni fra le assenti la Sicilia
di Alessio Petrocelli

Tags: Innocenzo Cipolletta, Ferrovie Dello Stato



Come si stanno evolvendo i contratti di servizio con le Regioni?
“Il terzo obiettivo del nostro piano industriale è quello di migliorare con forza il servizio metropolitano, per fare questo dovevamo affrontare il problema dei contratti di servizio con le Regioni. Per due anni abbiamo discusso con le Regioni ed abbiamo proposto un catalogo di servizi con i prezzi di ciascun treno ed il costo a nostro carico più un prospetto di ammortamento del prezzo per gli anni futuri. Ovviamente per tutti il primo contratto era molto più costoso rispetto al passato e dopo due anni il Governo è intervenuto sovvenzionando le Regioni a patto che i contratti avessero una durata di sei anni più sei anni. Questa era una condizione che avevamo posto nei contratti perché senza un contratto a lungo termine sarebbe stato difficile gestire gli investimenti. Abbiamo stipulato accordi-quadro con 19 Regioni, con alcune di queste abbiamo già siglato contratti di servizio, solo il Piemonte ha deciso di  andare a gara. I contratti 6 anni + 6 anni ci consentono di poter fare gli investimenti, con il contributo che lo Stato e quello derivante da questi nuovi contratti di servizio, riusciamo ad avere in progetto un acquisto, nell’arco dei prossimi 3 anni, di materiale rotabile per un miliardo e mezzo di euro. Nuovi treni e ristrutturazione di quelli esistenti che hanno una vita media di 25 o 30 anni. Abbiamo iniziato con le ristrutturazioni perché sono quelle che ci danno il risultato più rapido.

Il meccanismo qual è: la regione vi finanzia e voi comprate i treni oppure la regione compra i treni e ve li dà in comodato d’uso?
“Il treno viene acquistato dalla Regione poi noi ci occupiamo di tutto il resto, se dopo i sei anni del contratto non si vuole rinnovarlo con noi, si fa una gara e se vince un terzo soggetto, prenderà in uso questi treni”.

Articolo pubblicato il 17 ottobre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento

comments powered by Disqus