Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

I sindaci celano gli abusi edilizi
di Rosario Battiato

Ispezioni in 200 Enti locali su 390 per sollecitare l’invio delle informazioni, spesso occultate anche per ragioni politiche. I Comuni non trasmettono alla Regione i dati sugli immobili irregolari

Tags: Edilizia, Abusivismo



PALERMO – I Comuni sembrano particolarmente pigri quando si tratta di comunicare i dati che riguardano il vasto sistema dell’abusivismo edilizio: anche per questo continua a proliferare un fenomeno che abbrutisce il paesaggio e mina la sicurezza del territorio agevolando il rischio naturale. Le amministrazioni locali, più per incapacità organizzative che per mancanza di mezzi, non riescono ancora a vigilare e vanno fuori tempo massimo nel trasferire alla Regione le informazioni che riguardano gli abusi, le pratiche di sanatoria e l’avvio delle procedure per la demolizione o l’immissione in possesso. La voragine dell’inadempienza riguarda sia la comunicazione degli abusi scoperti dai vigili urbani, che dovrebbe avvenire ogni 15 giorni, sia lo stato dell’arte delle sanatorie. A completare il quadro ci pensano le esecuzioni delle demolizioni, continuamente rinviate per le solite difficoltà economiche.

Articolo pubblicato il 18 dicembre 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus