Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Stagione dei saldi, si parte già dal 3 gennaio
di Danilo De Luca

 La contrazione dei consumi spinge la Regione Sicilia ad anticipare l’apertura della stagione dei saldi. Si parte di sabato

Tags: Saldi, Natale, Spesa, Economia, Crisi



Le vacanze di Natale 2014, per il popolo siciliano, sono dominate dall’austerità, che poi è la faccia più sommessa e discreta degli stenti e della paralisi economica. Portafogli vuoti e prospettive infauste minano la serenità della cittadinanza e la propensione alla spesa. Il 2014 è stato un anno durissimo, i risparmi si sono frantumati, la tendenza imperante è quella di ridurre al minimo l’emorragia di denaro. Gli acquisti sono diminuiti, la gente è sempre più accorta, tutela il patrimonio, pone i conti correnti migliori a confronto alla ricerca della soluzione più sicura e mette al riparo l’ultimo gruzzolo su cui Tasi, Tari e oneri vari non siano riusciti ad allungare la propria morsa.
 
Da qui la decisone, da parte della Regione Sicilia, di anticipare l’apertura della stagione dei saldi. Il 3 gennaio si aprirà ufficialmente la caccia agli affari per i cittadini siciliani. L’Assessore regionale alle Attività produttive Linda Vancheri ha già firmato il decreto tramite il quale si anticipa il periodo degli sconti. La decisione è stata fortemente caldeggiata dalla Confcommercio Sicilia, che ha spinto perché il provvedimento fosse adottato anche nella regione, come avverrà in altre zone italiane. Un provvedimento ritenuto utilissimo per dare maggior respiro ai cittadini e restituire impulso a un’economia bloccata.
 
La notizia dell’anticipo della stagione dei saldi è giunta dalla sede di Catania di Confcommercio, la quale ha anche informato che il periodo di sconti durerà fino al 15 marzo 2015. La scelta di far partire la campagna di abbattimento dei prezzi di sabato è un altro segnale di come la tendenza sia quella di andare incontro il più possibile ad abitudini e possibilità dei consumatori, con l’auspicio che il provvedimento possa apportare benefici all’intera comunità siciliana.
 
Pietro Agen, Presidente di Confcommercio Sicilia, ha commentato soddisfatto: “l’assessore ha compreso le motivazioni della nostra richiesta: contiamo così di incoraggiare il settore in crisi. I saldi inizieranno di sabato e i negozianti potranno approfittare della presenza dei turisti in visita nell’Isola. Contiamo nella ripresa, dopo un ottobre e un novembre in calo”.
 
Ora si attende il responso dei fatti. Ovviamente la crisi ha radici profonde e presenta mali strutturali che necessitano di interventi più netti e risoluti, ma invogliare la gente a spendere può essere una soluzione efficace a restituire vigore e speranza al settore dei privati, quello che forse più di ogni altro accusa gli effetti devastanti delle contrazioni economiche degli ultimi anni.

Articolo pubblicato il 25 dicembre 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus