Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

La rivoluzione del mercato che va in cerca del cliente
di Angela Carrubba e Melania Tanteri

Josef Ejarque, esperto del settore e consulente della Catalogna. Il turista vuole tre “L”: landscape, leasure e learning



La regia ce l’ha uno, che si chiama cliente, perché tu puoi essere la destinazione più fantastica, puoi avere il migliore sistema ricettivo, ma se il tuo prodotto non interessa al cliente, sei fregato. Questa è la realtà del mercato. Questo è oggi il ruolo del destination management.

C’è una rivoluzione nel modo di fare destination management perché abbiamo avuto fondamentalmente quattro piccole rivoluzioni: la prima è la rivoluzione del mercato. Oggi i consumatori sono molto diversi, viaggiano per svariati motivi ma alla fine la destinazione è quella che deve rispondere ai bisogni dei diversi target. Non c’è più una destinazione che può raggiungere tutti gli obiettivi dei diversi target; la destinazione deve adattarsi; questo è importante. Prima era il cliente quello che si adattava a noi, oggi siamo noi a doverci adattare al cliente e al prodotto che il cliente chiede.
Questo significa che il management della destinazione deve passare ad essere da elemento passivo a elemento attivo, facendo politiche di marketing. Un aspetto assolutamente importante è quello di strategie diverse sia di management come di marketing, indirizzate al trade e al consumer, facendo interventi su una promozione collegata con l’offerta.
Purtroppo il destination management è ancora nello stadio della promozione, non in quello della promo-commercializzazione. Il caso italiano è uno dei più paradossali, mentre noi chiacchieriamo, i francesi, che stanno qui accanto e che hanno un grandissimo sistema di promo-commercializzazione, ci fregano un sacco di clienti. Oltralpe, il 40% delle vacanze e dei weekend che si vendono in Francia si vendono attraverso i grandi supermercati e i grandi ipermercati.

Teniamo conto che una destinazione alla fine non è che un brand, un marchio, e che il ruolo del destination management è quello di creare, gestire e promuovere il brand, un brand ombrello.

Articolo pubblicato il 15 aprile 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Turismo: copiare la Catalogna - 10 proposte per fare ripartire la Sicilia: prima puntata
    Modello Catalogna. Con uno Statuto del 1979, riformato nel 2006, per il turismo non solo si prevede l’autonomia decisionale, ma anche la pianificazione, la regolamentazione e il controllo.
    L’attuale Statuto siciliano. Risale al 1946 e individua il turismo all’articolo 14 come materia di legislazione esclusiva della Regione, senza però prevedere altro in materia. (15 aprile 2009)
  • Marketing territoriale specializzazione necessaria - Le carenze del Piano di Propaganda Turistica 2009 della Regione. Assenti servizi da offrire che rientrino nel Brand Sicilia (15 aprile 2009)
  • La rivoluzione del mercato che va in cerca del cliente - Josef Ejarque, esperto del settore e consulente della Catalogna. Il turista vuole tre “L”: landscape, leasure e learning (15 aprile 2009)


comments powered by Disqus