Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Ebola, medico guarito: “Tornerò in Africa”
di Redazione

Fabrizio Pulvirenti è stato dimesso dall’ospedale Spallanzani di Roma

Tags: Fabrizio Pulvirenti, Ebola



ROMA - È stato dimesso dall’istituto Spallanzani Fabrizio Pulvirenti, il medico italiano di Emergency colpito dal virus Ebola lo scorso novembre in Sierra Leone. Lo hanno annunciato i sanitari dell’ospedale durante una conferenza stampa convocata all’istituto. Il medico è stato accolto in conferenza stampa da un applauso. Presenti anche il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, e la presidente di Emergency, Cecilia Strada, oltre al direttore scientifico dello Spallanzani, Giuseppe Ippolito.
Pulvirenti, ricoverato lo scorso 25 novembre, hanno detto gli specialisti, è “completamente guarito”. E con il sangue del medico italiano verrà prodotta una raccolta di plasma da convalescente da usare in Africa e per altri pazienti di ebola.
Fabrizio Pulvirenti “è uno dei 22 casi di pazienti di ebola curati fuori dall’Africa: ognuno è stato gestito in modo diverso; noi abbiamo usato quattro farmaci sperimentali”, ha detto il direttore scientifico dello Spallanzani, Giuseppe Ippolito, precisando che dopo un incontro previsto con l’Oms per il 26 gennaio, saranno resi noti anche i nomi dei farmaci utilizzati.

 “Oggi tornerò in Sicilia, ma presto andrò nuovamente in Sierra Leone. Devo prima riprendermi e poi valuterò di tornare in Africa anche se per un periodo limitato. Voglio completare il lavoro iniziato”, ha detto Fabrizo Pulvirenti. “E’ impossibile ricostruire il momento in cui mi sono contagiato, perché ogni istante è buono quando si trattano pazienti ad alto rischio”, ha aggiunto il medico, sottolineando di essere certo, tuttavia, di aver rispettato tutte le procedure di sicurezza previste. “Non ho pregato, anche perché non ne avrei avuto il tempo in quanto dopo pochi giorni ho perso coscienza”, ha detto Pulvirenti. “Non sono un eroe - ha detto in conferenza stampa - ma semplicemente sono stato meno fortunato dei miei colleghi perché mi sono contagiato”. Ovviamente, ha aggiunto, “ho avuto paura, ma sarebbe da folli non avere paura davanti a ebola”.

Intanto l’ospedale Umberto I di Enna, dove Fabrizio Pulvirenti lavora, è “pronto ad accoglierlo e a festeggiare la sua guarigione”. Lo afferma Luca Guarnieri primario del reparto di Infettologia dove lavora il medico catanese di Emergency. “Aspettiamo che rientri - aggiunge - e venga a darci una mano in reparto”. Si dice “felice del risultato scientifico e personale ottenuto” Emanuele Cassarà, direttore sanitario dell’Azienda sanitaria provinciale (Asp) di Enna. “Lo aspettiamo a braccia aperte - sottolinea - con la speranza che possa riprendere al più presto il lavoro in reparto all’Umberto I”.

“La prima cosa più bella di oggi è stato il sorriso sul viso dei medici che hanno curato Fabrizio, con la soddisfazione per aver fatto un lavoro straordinario e aver salvato una vita; la seconda cosa più bella di oggi è stata naturalmente riabbracciare il nostro medico”, ha dichiarato la presidente di Emergency, Cecilia Strada. Quella di Fabrizio “è una bella storia che speriamo però non si ripeta”, ha detto il fondatore di Emergency, Gino Strada, in collegamento durante la conferenza stampa.

 “Grazie a medici e personale dello Spallanzani per la loro straordinaria professionalità. In bocca al lupo a Fabrizio: buon lavoro #buon2015”. Così, in un tweet, il premier Matteo Renzi commenta la notizia della guarigione del medico italiano. “Oggi è una giornata di grande felicità per me e per tutti gli italiani. L’Italia comincia bene l’anno con un bella notizia e con la dimostrazione di ciò che siamo capaci di fare”, ha detto il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin.

Articolo pubblicato il 03 gennaio 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus