Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Palermo - Servizi ex Aps all’Amap l’ipotesi rimane in piedi
di Redazione

Settimana prossima un nuovo incontro con i soggetti coinvolti

Tags: Palermo, Amap, Aps, Antonello Cracolici



PALERMO – L’ipotesi di far gestire ad Amap il servizio idrico integrato, non soltanto nel capoluogo ma anche nei 52 comuni della provincia, prendendo il posto di Acque potabili siciliane, sarà oggetto di discussione di un incontro interistituzionale promosso dal deputato regionale del Pd Antonello Cracolici.

Alla riunione, in programma per la prossima settimana, parteciperanno l’Amap, società che gestisce il servizio idrico a Palermo, il Comune capoluogo, la presidenza della Regione e l’ex Provincia di Palermo.

Nel palermitano finora a occuparsi del servizio è stata la società fallita Aps Spa, con 202 dipendenti. Nei mesi scorsi, per arginare il rischio di stop all’erogazione dell’acqua e così come i licenziamenti di massa, l’ex commissario straordinario della provincia di Palermo Domenico Tucci - in qualità di commissario della Autorità d’ambito territoriale ottimale (Ato) 1 Palermo - ha dato l’ok alla proposta dei curatori fallimentari di Aps di affitto del ramo d’azienda in scadenza a ottobre per 3 altri mesi: fino al 31 gennaio di quest’anno. La sigla del contratto ha garantito i livelli occupazionali e il servizio idrico nei comuni della provincia, ma serve una soluzione definitiva.

Nei mesi scorsi i sindacati avevano avanzato la proposta di affidare la gestione all’Amap e procedere alla creazione un consorzio, ma per la fase di start-up sarebbero necessari almeno 6 milioni di euro.

“Sono sempre stato convinto – ha affermato Cracolici - che una soluzione sia quella di assegnare ad Amap, che è una società pubblica con mezzi e risorse idonee, la gestione del servizio idrico integrato, senza però instituire una nuova società. Si tratta di stabilire il rapporto di partenariato con il comune di Palermo”.

Articolo pubblicato il 10 gennaio 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus