Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Sindaci, chi non taglia piange
di Oriana Sipala

Inefficienza in cinque Comuni su nove, che non sono riusciti a ridurre le spese per la fornitura di beni e servizi. Flop della spending review nei capoluoghi: ecco perché le risorse non bastano

Tags: Enti Locali



PALERMO - I Comuni siciliani vivono in un continuo stato di asfissia: le risorse non sono mai sufficienti a garantire la qualità dei servizi, o almeno questo è ciò che molto spesso affermano gli amministratori locali che, mentre lamentano il taglio dei trasferimenti da parte del Governo centrale, non fanno nulla per risparmiare.
Lo si evince da un Rapporto sulla finanza locali della Cassa Depositi e Prestiti il quale ha delineato il quadro della spese effettuate dagli Enti locali per la fornitura di beni e servizi. Dall’analisi dei dati emerge che cinque dei nove capoluoghi dell’Isola, anziché tagliare, hanno accresciuto tale voce di spesa, aggravando una situazione già insostenibile. I risparmi mancati a causa di una sostanziale incapacità amministrativa dei sindaci non sono di poco conto, tanto da raggiungere, nel caso di Palermo, i 55 milioni di euro.

Articolo pubblicato il 10 gennaio 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus