Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Depuratori, un anno per farne 81
di Rosario Battiato

Delibera Cipe 2012, nell’Isola impegnati solo 80 mln su oltre 1 mld assegnato. Diffide ai comuni in ritardo. Interventi in 13 impianti sui 94 previsti, le sanzioni Ue stanno arrivando

Tags: Depuratore, Cipe



PALERMO – Il governo nazionale spinge sull’acceleratore per scongelare i fondi che serviranno ad aprire i cantieri nazionali per contrastare il dissesto idrogeologico e migliorare la depurazione. In quest’ultimo caso la fetta più consistente dei fondi stanziati, poco più di un miliardo, si trova in Sicilia.
Non è un caso visto che nell’Isola ci sono 57 comuni chiamati in causa già due anni dalla Corte di Giustizia Europea per inadempienza alla direttiva europea. Eppure, a distanza di circa tre anni dalla direttiva Cipe del 2012 che stanzia i fondi, nell'Isola sono stati impegnati poco più di 80 milioni di euro per 13 interventi che nella maggior parte dei casi sono ancora in fase di affidamento o in fase di realizzazione. Il duplice rischio di perdere i fondi e di veder scattare le sanzioni è ormai dietro l’angolo. C’è solo da correre e forse non basterà.

Articolo pubblicato il 15 gennaio 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐