Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Energia, le novità sulle detrazioni fiscali del 50% e 65%
di Bartolomeo Buscema

Sul sito dell’Enea guida all’efficienza energetica. Benefici estesi alle tende esterne e chiusure oscuranti. Confermata la massima percentuale nelle opere antisismiche, fino al 31 dicembre

Tags: Enea, Efficienza Energetica, Detrazioni



CATANIA - Per famiglie, imprese e amministrazioni pubbliche, dal primo gennaio di quest’anno ci sono importanti novità che concernono la detrazione fiscale del 50 e 65% per gli interventi di efficienza energetica e gli obblighi previsti dal D.lgs. 102/2014. Le novità sono tante come pure le relative scadenze. Una sorta di bussola per meglio navigare nel mare delle nuove disposizioni ce la fornisce l’Enea, che ha reso disponibile sul proprio sito (efficienzaenergetica.acs.enea.it) la “Guida all’efficienza per il 2015”, che qui tenteremo di sintetizzare, rimandando al citato sito per i necessari approfondimenti.

Cominciamo con le detrazioni fiscali (dette anche “ecobonus”) del 65% , che sono state estese all’installazione di schermature solari per ridurre l’energia spesa per il raffrescamento. Saranno così detraibili, con tetto massimo di 60 mila euro e per tutto il 2015, le spese per tende esterne, chiusure oscuranti, dispositivi di protezione solare in combinazione con vetrate. Invece, per quanto concerne le caldaie per il riscaldamento la detrazione del 65% è stata estesa anche ai generatori di calore alimentati da biomasse combustibili. In questo caso la detrazione ha un tetto massimo di 30mila euro.

Un capitolo a parte illustra le detrazioni, confermati dalla legge di Stabilità e prorogati al 31 dicembre 2015, del 50% per le ristrutturazioni edilizie e del 65% per gli interventi di efficienza energetica, sia per le singole unità immobiliari che per le parti comuni degli edifici condominiali. Precisiamo che per i lavori di efficienza energetica sulle parti comuni condominiali, il bonus del 65% è stato prorogato dal 30 giugno 2015 al 31 dicembre 2015. Tale bonus sarà eliminato definitivamente dal 2016.
Restano immutati, per ogni intervento, i tetti massimi di spesa detraibili: 92.307,69 euro per gli interventi sull'involucro edilizio e per l'installazione dei pannelli solari e 46.153,85 euro per la sostituzione di impianti di  riscaldamento e climatizzazione invernale.

Anche per le spese sostenute per gli interventi antisismici di messa in sicurezza statica degli edifici è prevista, fino al 31 dicembre 2015, una detrazione del 65%. In questo caso, la documentazione tecnica obbligatoria per beneficiare delle detrazioni dovrà essere inviata all’Enea, che svolgerà un ruolo tecnico di consulenza e assistenza agli utenti.

Veniamo ora al D.lgs. 102/2014 che concerne l’attuazione della direttiva 2012/27/UE sull’efficienza energetica, per ridurre del 20% i consumi di energia primaria entro il 2020. In particolare, gli articoli 5 e 6 prevedono che, fino al 2020, dovranno essere realizzati, previa una diagnosi energetica, interventi di risanamento energetico sugli immobili della Pubblica amministrazione centrale e nelle aziende del comparto industriale e manifatturiero ritenute energivore.

Inoltre, per favorire una più precisa misura dei consumi di elettricità, gas, teleriscaldamento, teleraffrescamento e acqua calda, il decreto prevede che l’Aeegi (Autorità per l’energia elettrica,il gas e il sistema idrico) dovrà predisporre specifiche tecniche per i futuri contatori intelligenti che saranno adottati dalle imprese distributrici locali.

Il D.lgs. 102/2014 prevede anche l’istituzione di un Fondo per l’efficienza energetica destinato a sostenere il finanziamento di interventi  che possono essere realizzati dalle Esco, anche con il ricorso a forme di partenariato pubblico-privato, e da società di progetto o di scopo appositamente costituite.

Infine, il decreto conferisce ad Accredia, Ente unico nazionale di accreditamento designato dal Governo il 22 dicembre 2009, l’incarico di definire gli schemi di accreditamento in materia di Energy service company (Esco), esperti in gestione dell’energia (Ege), sistemi di gestione dell’energia, diagnosi energetiche.

All’Enea, invece, il decreto dà mandato di predisporre un Programma triennale, di informazione e formazione sull’efficienza energetica, rivolto a piccole e medie imprese, dipendenti pubblici, famiglie, studenti e istituti bancari.

Articolo pubblicato il 21 gennaio 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus