Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Trapani - Tensione fra capoluogo ed Erice è tutta una questione di confini
di Alessandro De Bartolomeo

Il sindaco Fazio ha scritto al collega Tranchida. L’assessore Caradonna: “Certi episodi possono verificarsi”. I parcheggi a pagamento ericini ricadrebbero su parte del territorio trapanese

Tags: Trapani, Erice, Girolamo Fazio, Giacomo Tranchida, Parcheggi



TRAPANI - L’ambientazione: la zona fra il capoluogo ed Erice, due città contigue con il problema della ridefinizione dei confini reciproci. Se ne discute da anni a vario livello, ma di fatto la situazione rimane tale e quale. I problemi, anche per questo motivo, sono molti e uno di essi ha spinto il sindaco di Trapani, Girolamo Fazio, a prendere carta e penna e scrivere al primo cittadino ericino, Giacomo Tranchida: “Poiché per rientrare a casa - afferma Fazio - lo scrivente percorre quotidianamente la via Marconi, ha avuto la possibilità di constatare che il Comune di Erice si è “impadronito” del territorio comunale di Trapani, installandovi parcheggi a pagamento sui marciapiedi ricadenti nel territorio di Trapani. Da via Villa Rosina e oltre, fino all’uscita dalla città, sono stati collocati pali con le insegne per i parcheggi a pagamento e cartelli che recano divieti di sosta per consentire la realizzazione delle strisce blu. I pali, peraltro, sono stati conficcati nei marciapiedi, danneggiandoli.

“Se non si ricorda male - ha aggiunto il sindaco del capoluogo - il confine territoriale nelle zone indicate è costituito dalla mezzeria della strada, per cui, evidentemente, non tutta la via appartiene al Comune di Erice. Si ritiene che quanto sopra descritto sia stato determinato da un errore di comunicazione interno al Comune di Erice, che però ha determinato danni al territorio trapanese”.

La lettera di Fazio è stata per noi commentata da Giuseppe Caradonna, assessore ericino alla Polizia municipale: “La società che sta installando i segnali credo venga da fuori e comunque stiamo verificando se il posizionamento di questi cartelli dei parcometri sia stato fatto nel Comune di Trapani. Non escludo che possa esserci stato un disguido, d’altronde ci troviamo spesso in zone di confine non ben delimitate. Certi episodi possono pure verificarsi, l’importante è provvedere in tempo utile”.
“Per quanto riguarda la Via Tenente Alberti - ha aggiunto - stiamo verificando, sulla via Marconi la sede stradale è tutta di competenza del Comune di Erice. Il problema riguarda il marciapiede sul quale sono stati installati un paio di cartelli che indicano il parcheggio a pagamento. La ditta avrebbe dovuto chiedere l’autorizzazione visto che installava su un marciapiede del Comune di Trapani. Lo ritengo un disguido non particolarmente rilevante, visto che si tratta di due cartelli e che comunque si potrà in ogni caso chiarire e superare”.

Articolo pubblicato il 21 ottobre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus