Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Migranti, almeno 29 morti per ipotermia
di Antonio Leo

Le vittime erano a bordo di un’imbarcazione con 106 persone, soccorsa nella notte dagli uomini della Guardia costiera. Il Piano Triton, che ha preso il posto di Mare nostrum, è già sotto accusa

Tags: Immigrati, Lampedusa, Piano Triton, Mare Nostrum



LAMPEDUSA (AG) -  Torna l’incubo a largo delle sponde dell’Isola siciliana più nota alle cronache. La burrasca del mar Mediterraneo ha reso per 29 migranti - i morti accertati fino ad ora - impossibile l’approdo sulle coste della speranza, quelle sicule. Le vittime erano a bordo di un’imbarcazione con 106 persone, soccorsa nella notte dagli uomini della Guardia costiera.

Come era prevedibile, la tragedia ha rinfocolato le critiche contro Triton, il piano europeo di controllo delle frontiere che ha preso il posto di Mare nostrum.  “Lampedusa accoglie di nuovo i corpi senza vita di migranti in fuga da guerre, fame, violenze o gravi rischi per la loro vita, morti in mare per il freddo. Le cattive condizioni climatiche invernali non hanno interrotto il flusso degli arrivi via mare, a dimostrazione della mancanza di alterative per chi è costretto, nonostante tutto, a tentare la traversata”. Lo ha dichiarato Raffaela Milano, direttore programmi Italia-Europa di Save the Children. 
 
“La cessazione dell'operazione Mare Nostrum espone a rischi estremi tutti, e in particolare chi è più vulnerabile, come le donne, i bambini e gli adolescenti giovanissimi che sono una presenza costante negli sbarchi: secondo le nostre stime, dall'inizio dell'anno a ieri, su 3.709 migranti sbarcati in Italia, 195 erano donne e 390 minori, di cui 149 accompagnati e 241 non accompagnati”.

“Triton, così com'è concepito, non può e non deve essere l'unica risposta dell'Italia e dell'Europa a migliaia di bambini, ragazzi e famiglie costrette a fuggire per poter sopravvivere”, conclude la nota. Carlotta Sami, portavoce Unhcr Sud Europa, scrive in un tweet lapidario: “#Lampedusa stillicidio, altri morti. L'abbiamo già detto: Triton non è sufficiente. Procedure SAR di Mare Nostrum non esistono più”.

Articolo pubblicato il 09 febbraio 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus