Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Ma la Sicilia è impreparata al turismo
di Adriano Zuccaro

Federalberghi: 191 comuni su 390 (il 48,9%) non hanno alberghi, i rimanenti lavorano prevalentemente nei mesi estivi. 14,4 mln di pernottamenti nel 2013 contro 46 mln della Toscana (90% di comuni turistici)

Tags: Turismo, Sicilia, Federalberghi



Nel 1930 in Sicilia erano presenti 168 imprese alberghiere, il 4% del totale italiano, nel 2000 (con un salto temporale di 70 anni) si contavano 868 imprese ma la nostra Isola scende al 2,6% del totale nazionale. Settant’anni di politiche miopi hanno prodotto, dunque, un arretramento percentuale della Sicilia in termini di quantità di imprese alberghiere rapportate al totale nazionale. Mentre la nostra regione cresceva a passo di lumaca, altre aree avanzavano a ben altro passo: la Campania da 163 imprese nel 1930 arriva a 1.403 nel 2000 (dal 3,9% a 4,2 in ambito nazionale), la Lombardia arriva a 2.821 dalle 279 di partenza (dal 6,6% all’8,5), L’Emilia Romagna passa da 231 a 5.065 (dal 5,5% al 15,2) nello stesso arco temporale! Un’assenza cronica di strutture nell’Isola di cui è specchio il tasso di penetrazione alberghiera: la metà dei comuni siciliani (48,9%) non ha un albergo nel proprio territorio.

Articolo pubblicato il 18 febbraio 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus