Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Fondi dalla Regione ai Comuni per Lsu: 122,8 mln nel 2015
di Andrea Carlino

Erogazioni della Regione per la copertura del residuo 40% delle somme annuali già impegnate a favore dei lavoratori precari. Sulla Gurs n. 8/2015 le autorizzazioni in favore delle autonomie locali richiedenti. Necessario l’assolvimento dell’obbligo di pubblicazione on-line, come condizione legale di efficacia del titolo legittimante le concessioni ed attribuzioni di importi sopra i mille euro

Tags: Lsu, Regione Siciliana



PALERMO - Altri contributi per i comuni dell’Isola da parte della Regione. Infatti sulla Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana (la n. 8 del 20 febbraio) è stato pubblicato il decreto del 25 novembre scorso, a firma del dirigente del servizio assetto organizzativo e funzionale degli enti locali del dipartimento regionale delle autonomie locali, Vita Aurora Dioguardi, riguardo l’autorizzazione del pagamento e dell’emissione dei titoli di spesa in favore delle autonomie locali richiedenti l’erogazione dell’acconto del Fondo di cui all’art. 30, comma 7, della legge regionale 28 gennaio 2014, n. 5 e s.m.i. 

Si tratta del contributo da parte della Regione Siciliana per la copertura del residuo 40% delle somme annuali già impegnate a favore dei lavoratori precari. Ricordiamo che la quota prevista pari al 10% è a carico del Comune e che la stessa rientra nei limiti dei corrispondenti stanziamenti di spesa dell’ultimo bilancio approvato, in ossequio a quanto disposto dal Testo Unico degli Enti locali e che l’ammontare della contribuzione prevista dalle disposizioni di legge abrogate dall’art 30 comma 6 della legge regionale n. 5/2014 viene garantita dall’istituzione di un fondo straordinario per la salvaguardia degli equilibri finanziari di bilancio, da parte del dipartimento regionale delle autonomie locali da ripartire con decreto dell’assessore regionale alle Autonomie locali di concerto con l’assessore regionale della Famiglia delle politiche sociali e del lavoro, tenendo conto del contributo già concesso per ogni singolo lavoratore alla data del 31 dicembre 2013 in relazione all’accertato squilibrio finanziario. Pertanto quanto previsto dall’articolo 30 autorizza l’assessorato regionale per le Autonomie locali e la funzione pubblica a poter erogare, nelle more dell’intesa prevista al comma 7 del medesimo articolo, acconti del Fondo straordinario per la salvaguardia degli equilibri di bilancio fino al 40 per cento delle somme dovute dalla Regione, nell’anno precedente.

Complessivamente il Fondo in questione è stato determinato, per il triennio 2014-2016, in misura pari a 180,8 mln per l’anno 2014 e 199,5 mln per ciascuno degli anni 2015 e 2016. Successivamente, però, è stato abbassato a 122,8 mln euro a seguito della variazione di bilancio disposta con decreto dell’assessore regionale per l’Economia n. 7777 del 28 febbraio 2014.

Il dipartimento Autonomie locali ha infatti notificato l’emissione di diversi titoli di spesa in favore delle autonomie locali richiedenti l’erogazione dell’acconto. Si tratta di un’ulteriore parte di un’emissione di pagamenti già autorizzata nei mesi scorsi (a luglio e a settembre). Infatti, come si legge nel decreto, sono stati riassunti i riscontri istruttori positivi di un ulteriore gruppo di 5 istanze pervenute per un totale di 303mila euro, oltre alle 225 già autorizzate lo scorso luglio e ai 12 milioni del settembre scorso. 

Si tratta di somme che interessano cinque comuni dell’Isola: a Sommatino va la somma di 26mila euro, a Vallelunga Pratameno viene stanziata la cifra di 7mila euro. A Roccavaldina via libera alla somma di 54mila euro, a Carini, invece 22mila euro. Per ultimo il comune di Petrosino a cui è destinato l’acconto più alto: 193mila euro.  Si ricorda che, in ottemperanza agli artt. 26 e 27 del D.lgs. 14 marzo 2013, n. 33, il provvedimento è trasmesso al responsabile del procedimento di pubblicazione dei contenuti nel sito istituzionale, ai fini dell’assolvimento dell’obbligo di pubblicazione on-line, che costituisce condizione legale di efficacia del titolo legittimante delle concessioni ed attribuzioni di importo complessivo superiore a mille euro nel corso dell’anno solare.

Articolo pubblicato il 26 febbraio 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐