Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Sicilia, ferrovia sul binario morto
di Rosario Battiato

In tutta l’Isola circolano ormai 407 treni al giorno. L’alta velocità leggera Pa-Ct-Me arriverà, forse, nel 2023. L’Europa si allontana: oltre Stretto solo 5 convogli, erano 54 appena sei anni fa

Tags: Trasporti, Regione Siciliana, Ponte Sullo Stretto, Tav, Infrastrutture, Ferrovia Dello Stato



PALERMO – La Sicilia del trasporto attraversa uno dei periodi più delicati e negativi della sua storia. Restare fuori dai grandi investimenti proprio in questa fase, mentre i progetti infrastrutturali si inseriscono nel quadro dei nove corridoi europei, potrebbe essere la fine dei giochi, la condanna alla marginalità perenne.
Veramente poco, infatti, si muove in una Sicilia che dovrà attendere ancora diversi anni prima di poter ospitare l'alta velocità, già realtà in diverse parti d'Italia, e che garantisce gli spostamenti interni con una rete inferiore per qualità e lunghezza alle altre regioni italiane.
A completare il quadro una vecchia abitudine isolana: i cantieri finanziati e mai avviati, un ulteriore peso negativo, produttivo e infrastrutturale, che trascina l'Isola sempre più lontano dall'Europa.

Articolo pubblicato il 26 marzo 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus