Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twittergoogle qds rss qds
Quotidiano di Sicilia
Sicilia, amministratori in discarica
di Rosario Battiato

Una gestione virtuosa che abbini differenziata e valorizzazione dei rifiuti garantirebbe efficienza e risparmi milionari. Regione e Sindaci non realizzano gli impianti di produzione di energia da Rsu

Tags: Rifiuti, Raccolta Differenziata, Rsu, Regione Siciliana



PALERMO - I migliori comuni nazionali ed europei abbinano differenziata, riciclo e valorizzazione energetica del rifiuto, ottenendo risparmi ed energia termica ed elettrica, mentre nell’Isola si discute ancora sull’opportunità di avviare una fase di rottura col sistema unico delle discariche, proprio nei giorni dell’ultima visita della Commissione parlamentare di inchiesta sui rifiuti che ha sancito lo stato disastroso della realtà siciliana.
Eppure basterebbe studiare i numeri: applicando ai due principali comuni siciliani i risultati di una ricerca Ispra, che sviluppa i benefici di un modello di raccolta differenziata tra il 40 e il 60% e smaltimento della parte residua con valorizzazione energetica, si otterrebbero risparmi annuali da 23 milioni di euro, poco meno di 30 euro in meno per abitante. Senza considerare i vantaggi ambientali ed energetici.

Articolo pubblicato il 02 aprile 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐