Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Mutui trentennali agevolati per ristrutturare le scuole
di Liliana Rosano

Il Miur ha lanciato un programma d’investimenti di circa 900 mln. Ora la Regioni potranno accedervi tramite la Bei

Tags: Scuola, Miur, Sicurezza



La scuola italiana si veste di nuovo. O almeno ci prova.
L’ultima novitá arriva dal Miur che ha lanciato un programma di investimenti per circa 900 milioni di euro sull’edilizia scolastica. Sono quelli che scaturiranno dal cosiddetto decreto mutui che ha completato a fine marzo il proprio iter con la firma del Ministro per le Infrastrutture, dopo l’ok del ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Stefania Giannini e quello del ministro dell’Economia.

Il decreto prevede mutui trentennali agevolati che le Regioni potranno accendere con la Banca europea per gli investimenti (Bei) e altri istituti di credito con oneri di ammortamento a totale carico dello Stato.  I mutui potranno essere utilizzati per interventi straordinari di ristrutturazione, di messa in sicurezza, adeguamento sismico, efficientamento energetico. Si potrà intervenire sulle scuole, ma anche su immobili dell’Alta formazione artistica musicale e coreutica e residenze per studenti universitari di proprietà degli enti locali. Con questo strumento potranno essere anche costruiti nuovi edifici scolastici, si potranno rimettere a nuovo palestre o costruirne dove non ci sono.

Sempre dal Miur, arrivano gli ultimi dati sull’edilizia scolastica.
A cominciare dalla creazione dell’Osservatorio edilizia scolastica, voluto dal Miur per monitorare e programmare gli interventi.
In Sicilia, i risultati del monitoraggio 2014 hanno dimostrato come su 968 interventi previsti 930 sono stati realizzati . La percentuale é quella del 96 per cento, in linea con la media nazionale mentre si distinguono regioni come la Liguria, Piemonte, Abruzzo che hanno realizzato il 100 per cento a fine 2014.

Nel 2015, il Miur ha programmato per la Sicilia, interventi per 11 milioni di euro che andranno a finanziare 670 scuole.
In Italia, secondo gli ultimi dati del Monitoraggio 2014, sono stati conclusi 7.235 interventi su 7.690, 150 milioni di finanziamenti sono arrivati dal decreto del fare mentre 400 milioni con delibera del Cipe del 30 Giugno 2014.
Infine, 550 milioni andranno a finanziare 2328 interventi di bonifica nelle scuole.

I mutui agevolati concessi alle regioni dalla Bei per permettere interventi nelle scuole , in Sicilia hanno una quota di ammortamento annua di 3 milioni di euro.

“Sull’edilizia il governo sta facendo un grande investimento oggettivo - ha affermato il sottosegretario Davide Faraone - e sta lavorando su due binari: quello dell’emergenza e quello della programmazione. Non esiste infatti una buona scuola se non ci sono edifici all’altezza.

Anche attraverso l’Osservatorio dobbiamo rendere efficaci gli strumenti che esistono già e metterne in cantiere di nuovi”. Il sottosegretario ha poi posto l’accento sull’importanza dell’Anagrafe dell’edilizia scolastica, anche questa riavviata di recente. “Sarà uno strumento di trasparenza e di responsabilizzazione per gli addetti ai lavori - ha ricordato - Come Miur ci impegniamo a sollecitare le Regioni e a monitorare i lavori affinché sia completata entro il prossimo giugno”.

Articolo pubblicato il 08 aprile 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐