Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Sicilia a pezzi, ecco le strade del dissesto
di Rosario Battiato

I geologi hanno incontrato la cittadinanza di Caltavuturo, in provincia di Palermo. Il quadro del rischio nei numeri della Protezione civile

Tags: Viadotto Himera, Anas, Protezione Civile



PALERMO – I geologi siciliani sono tornati sul tema del dissesto. Lo hanno fatto proprio ieri in occasione di un incontro con la cittadinanza di Caltavuturo, il comune palermitano noto per il crollo del pilone del viadotto Himera. Per l'ordine professionale è necessario “cercare di fare sistema per affrontare le problematiche del territorio, infatti in Sicilia – ha spiegato il coordinatore della commissione protezione civile del Consiglio nazionale dei geologi, Michele Orifici -  solo il 50% dei comuni hanno il piano di protezione civile. Occorre raccogliere i fondi per la prevenzione dei dissesti. E qui ci deve dare una mano la politica".
 
Per Orifici è importante che gli amministratori locali, e anche la politica regionale e nazionale, non dimentichino che il 70% dei comuni della nostra Isola è a rischio idrogeologico. Per l'occasione è stato anche diffuso un ampio dossier che riassume tutti i dati relativi al dissesto presente e potenziale, che riguarda il territorio regionale.

Il rischio generale, che riguarda buona parte degli enti locali dell'Isola, coinvolge anche le infrastrutture viarie. Sono più di venti i dissesti in atto in Sicilia che interessano la viabilità primaria e secondaria. E non ci sono soltanto i viadotti e i ponti, ben sette quelli compromessi complessivamente, ma anche pezzi importanti di autostrade e strade provinciali e statali.

Grazie alla  tabella che trovate in pagina, redatta sulla base dei dati forniti al QdS dall'Ordine dei geologi di Sicilia che hanno rielaborato i contenuti di un lavoro del dipartimento regionale della protezione civile, è possibile ricostruire tutti i percorsi interrotti dell'Isola e, quindi, tutte le difficoltà della mobilità interna che riguardano i siciliani, ben prima che avvenisse il crollo dei piloni del viadotto Himera.

In attesa che l'Anas fornisca un quadro ancora più chiaro della situazione autostradale, un dossier in merito dovrebbe essere pronto già nei prossimi giorni, ci sono già molti pezzi da ricucire.

L'assessore Pizzo ha stimato la necessità di circa 2 miliardi soltanto per ripristinare le strade secondarie, mentre nell'immediato servirebbero circa 3 milioni di euro per la creazione della bretella dell'A19 per il percorso alternativo che dovrebbe essere operativo, probabilmente, già nei prossimi tre mesi. Per la demolizione del viadotto e la ricostruzione di entrambe le carreggiate sono necessari 30 milioni di euro. Le risorse necessarie per questi due interventi sono state messe a disposizione dall'Anas.

Articolo pubblicato il 25 aprile 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Viabilit, i dissesti in atto
Viabilit, i dissesti in atto