Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Alessandro Baccei: "Sistema aeroportuale, per riforme risorse a luglio"
di Raffaella Pessina

Nervosismo di maggioranza e opposizione per questa affermazione. Così l’assessore all’Economia, Alessandro Baccei, ieri a Sala d’Ercole

Tags: Ars, Alessandro Baccei, Giovanni Ardizzone



PALERMO - L’Aula di ieri pomeriggio si è aperta con una vibrata protesta da parte di maggioranza ed opposizione per l’assenza del governatore Crocetta alla discussione sulla Finanziaria. Martedì il presidente dell’Ars, Giovanni Ardizzone, aveva chiesto dopo che il Governo era stato battuto per tre volte nelle votazioni agli emendamenti del bilancio regionale, che fosse presente. Crocetta con una nota inviata ad Ardizzone aveva fatto sapere che “a seguito di una convocazione urgente a Roma da parte del presidente del Consiglio dei ministri” non poteva partecipare ai lavori d’Aula. Crocetta nella stessa nota ha affermato che “si garantisce però la presenza del Governo regionale”.

A Sala d’Ercole sono intervenuti comunque l’assessore all’Economia Baccei, ma anche i responsabili di altri rami dell’amministrazione, la cui assenza martedì aveva impedito la discussione di diverse norme del bilancio. In apertura di Sala D’Ercole infatti hanno parlato Fabrizio Ferrandelli del Pd e Salvatore Siragusa del Movimento 5 Stelle che hanno parlato di Regione che cola a picco “con un deficit di 3 miliardi di euro a cui vincolare le erogazioni dello Stato”.
Ardizzone ha detto come “Nessuno può prendere le distanze da questa manovra. Nè l’Aula nè il Governo”.

Il nervosismo tra i banchi sia di maggioranza che opposizione è aumentato nel momento in cui l’assessore Baccei ha informato l’Aula che “mancano circa 20 milioni di euro, che servirebbero per le riforme di alcuni settori strategici, inserite in finanziaria, per il sistema aeroportuale”. Baccei ha quindi chiesto di non presentare emendamenti sulle voci indicate ed ha proposto di “trovare prima questi soldi, rinviando la trattazione degli argomenti a luglio, quando sarà presentato il rendiconto”.
 
Nel frattempo il governo regionale potrebbe recuperare il denaro necessario e Baccei ha specificato come. “Secondo la nostra interpretazione otterremo circa 230 milioni dai ricorsi non ritirati e ormai scaduti sui quali siamo stati favoriti da una sentenza della Corte costituzionale, per gli anni 2012 e 2013. Con la Cassa depositi e prestiti sono già iniziati gli atti per congelare i 150 milioni delle rate del mutuo. Abbiamo la ragionevolissima certezza di chiudere questo accordo. Stiamo cercando di portare a casa una ‘carta di circolazione’ per la Sicilia. Sono parecchi i tavoli dove pensiamo di portare a casa molte risorse”.

Ma anche in questo caso si sono levate proteste dai banchi. Duro il richiamo del presidente dell’Ars: “Rischiamo decine di impugnative sulle norme della finanziaria. Non si può solo pensare di parlare al proprio elettorato”. Ardizzone ha chiesto che le questioni siano rinviate a futuri disegni di legge omogenei ed ha proposto una clausola di salvaguardia per evitare il danno erariale in caso di assunzione di fondi comunitari per potenziare gli aeroporti di Comiso e di Trapani Birgi.
 
Intanto i deputati del gruppo parlamentare del Movimento 5 stelle all’Ars hanno informato che racconteranno in alcuni brevi video - che saranno pubblicati nella pagina facebook del M5s Sicilia - fatti “e, soprattutto, misfatti” e i “dietro le quinte dell’indecente manovra finanziaria in discussione all’Ars, che finirà per affossare ulteriormente la Sicilia”. La seduta mentre scriviamo continua.

Articolo pubblicato il 30 aprile 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Lassessore allEconomia Alessandro Baccei
Lassessore allEconomia Alessandro Baccei