Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Palermo - Siti culturali verso il riconoscimento Unesco
di Redazione

Via libera da parte dell’organismo internazionale consultivo di riferimento per il patrimonio culturale. Per l’iscrizione alla World heritage list si dovrà attendere l’inizio di luglio

Tags: Palermo, Cefalù, Monreale, Unesco, Beni Culturali



PALERMO - Il ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo ha ricevuto notizia della valutazione positiva della candidatura Unesco “Palermo arabo normanna e le cattedrali di Cefalù e Monreale” giunta dall’Icomos, l’organismo internazionale consultivo di riferimento per il patrimonio culturale.

La candidatura, promossa con il coordinamento e il supporto tecnico-scientifico del segretariato generale del Ministero, è stata promossa dalla Regione Siciliana e dalla Fondazione Patrimonio Unesco Sicilia. Ha per oggetto un sito seriale composto da sette complessi monumentali palermitani e dai due complessi delle Cattedrali di Cefalù e Monreale a testimoniare l’altissimo valore del sincretismo culturale arabo-normanno che generò uno stile architettonico e artistico eccezionale in grado di rappresentare, ancora oggi, l’esempio tangibile di convivenza, interazione e interscambio tra culture eterogenee.

La raccomandazione dell’Icomos rappresenta un risultato fondamentale ai fini dell’iscrizione, giunto a seguito di un lungo e complesso iter per la valutazione della candidatura che, dopo la presentazione della proposta nel 2014, ha compreso fasi interlocutorie con gli organismi internazionali ed ispezioni sul campo da parte di esperti di fama mondiale.

Per l’effettiva iscrizione nella World heritage list si attende, dunque, la conferma del Comitato del Patrimonio mondiale che si riunirà dal 28 giugno all’8 luglio 2015 a Bonn, a seguito della quale l’Italia avrà annoverato il suo 51° sito Unesco.

“L’approvazione del dossier da parte di Icomos – ha commentato l’assessore regionale ai Beni culturali, Antonio Purpura - è il primo importante riconoscimento che premia l’impegno profuso dall’Assessorato, la Fondazione Unesco in Sicilia e da tutte le istituzioni coinvolte ai tavoli di lavoro”.

“Si tratta – ha aggiunto - del frutto di un efficiente lavoro di squadra svolto da esperti che hanno redatto il dossier con il supporto delle istituzioni locali e dei Comuni di Palermo, Monreale e Cefalù. Adesso attendiamo l’ultimo passaggio con la conferma del Comitato del Patrimonio mondiale. Il placet definitivo segnerà per tutta l’area della provincia di Palermo una prospettiva di sviluppo che sono sicuro produrrà, nei prossimi anni, effetti positivi sul reddito e la crescita economica”.

“Esprimiamo piena soddisfazione – hanno aggiunto il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando e il direttore della Fondazione patrimonio Unesco Sicilia, Aurelio Angelini - per la valutazione positiva giunta dall’Icomos in merito alla candidatura Unesco del sito ‘Palermo araba normanna e le cattedrali di Cefalù e Monreale. Attendiamo ora la decisione finale che arriverà a fine giugno da Bonn, ma il giudizio dell’organismo internazionale e la sua raccomandazione positiva è molto importante perché riconosce la validità tecnica, scientifica e politica della candidatura e ritiene il sito un bene iscrivibile a quelli già facenti parte del Patrimonio mondiale dall’Unesco”.

Articolo pubblicato il 07 maggio 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
La cattedrale di Cefalù
La cattedrale di Cefalù
Il Duomo di Monreale
Il Duomo di Monreale