Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Uniti per contrastare la povertà
di Maria Francesca Fisichella

Sindacati, associazioni cattoliche, Confindustria e mondo accademico incontrano oggi pomeriggio il ministro del Welfare, Giuliano Poletti. Nodo centrale dell’incontro sarà il Reis (Reddito di inclusione sociale)

Tags: Giuliano Poletti, Povertà, Confindustria



Sindacati, associazioni cattoliche, Confindustria e mondo accademico: uniti per contrastare la povertà
E’ atteso per oggi pomeriggio a Roma l’incontro dal titolo “L’Alleanza contro le povertà in Italia incontra il ministro Poletti”,  in cui per la prima volta l’Alleanza contro la povertà in Italia incontrerà il ministro del Welfare, Giuliano Poletti. Nodo centrale dell’incontro sarà il Reis (Reddito di inclusione sociale), una misura di contrasto alla povertà assoluta promossa da un cartello di 33 associazioni, tra cui Acli, Caritas, Cnca e i tre sindacati confederali.

Intanto in Sicilia non si sono fatte attendere le iniziative. Ci si riferisce alla proposta di legge regionale di iniziativa popolare presentata dal centro Pio La Torre, da Cgil-Cisl-Uil, da Confindustria e da diverse associazioni e rappresentanti del mondo cattolico. Alla stesura hanno dato il loro decisivo contributo intellettuali ed accademici: tra gli altri i professori Adam Asmundo, Alessandro Bellavista e Antonino la Spina dell'Università di Palermo.
 
La proposta, che è integrativa rispetto ad un'eventuale normativa nazionale sul modello Ris, si  propone di integrare fino al minimo previsto dalla soglia di povertà assoluta. Un'integrazione al reddito collegata all'impegno di aderire a progetti di inclusione sociale.

La Commissione prevista dalla legge regionale per la verifica dei  requisiti del DdL è stata nominata e domani, 21 maggio, i promotori dell’iniziativa provvederanno a presentare formalmente il DdL presso di essa. Subito dopo si attiverà la raccolta delle firme in tutti i comuni siciliani: la legge prevede che debbano essere almeno diecimila.

Articolo pubblicato il 20 maggio 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus