Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Senza Made in Sicily crolla l’export
di Chiara Borzì

A fronte dei numerosi Doc, Dop, Igt, l’ Isola ricava solo 4,6 mld dall’agroalimentare contro gli 8,6 dell’Emilia Romagna. Giù del 14% nel 2014: scarso appeal per i nostri prodotti. Trionfa la contraffazione

Tags: Export, Sicilia, Made In Sicily, Agroalimentare



ROMA – All’interno di Expo 2015 la Sicilia sta presentando tanti prodotti. Sono moltissimi i Doc, i Dop e gli Igt, ma quanto della nostra produzione è apprezzata e comprata all’estero? La risposta non è positiva, per lo meno stando alle stime fornite da Istat. La Sicilia vive anni catastrofici per le esportazioni, a livello regionale più che in altri territori italiani.
Nel 2014 abbiamo fatto registrare un calo del 14 per cento di vendite con l’estero. Le esportazioni calano a fronte dell’esistenza di produzioni tipiche, come quelle che riguardano la filiera agroalimentare, in cui rimaniamo comunque un grande riferimento nazionale. La questione diventa qui delicata. La Regione ha fornito infatti dei mezzi per la promozione delle produzioni locali che sembrano, però, ignorati: parliamo della Legge 19/2013, quella sul cosiddetto “Born in Sicily”, nata oltre due anni fa e rimasta praticamente lettera morta.

Articolo pubblicato il 30 maggio 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus